L'editoriale di agosto

Un giorno, in chiesa, mia figlia di cinque anni mi domandava con insistenza: «Dio abita qui: perché non lo vedo? Dov’è?» e stringeva le mani cercando di afferrare qualcosa nell’aria. Esprimeva, a suo modo, una ricerca lunghissima comune a persone di ogni tempo e luogo. La promessa di Gesù è davvero forte: posso vedere Dio!

L'editoriale di agosto

Un giorno, in chiesa, mia figlia di cinque anni mi domandava con insistenza: «Dio abita qui: perché non lo vedo? Dov’è?» e stringeva le mani cercando di afferrare qualcosa nell’aria. Esprimeva, a suo modo, una ricerca lunghissima comune a persone di ogni tempo e luogo. La promessa di Gesù è davvero forte: posso vedere Dio! E la ripete altre volte nel vangelo, come quando dice a Filippo: «Chi ha visto me, ha visto il Padre». I discepoli di Gesù vivevano, camminavano, mangiavano con lui, percepivano le sue emozioni, toccavano il suo corpo: deve essere stato difficile intuire, accettare e comprendere il suo essere Dio.
Come posso vedere Dio? Sembra più facile percepirlo nell’eucaristia e negli altri segni liturgici. Ce n’è uno che mi emoziona, proprio perché mostra la presenza di Dio: l’incensazione. Nei funerali si incensa il corpo del defunto: nel corpo, nella persona, vedo Dio. Durante le celebrazioni solenni si incensa anche l’assemblea: Dio si vede non solo nei sacramenti, nella Parola, nel prete, ma in tutta la comunità in particolare nei più piccoli e fragili, come Gesù ha detto. Il mondo, la vita, la storia sono infinitamente ricchi di presenza di Dio che possiamo vedere, toccare, ascoltare, annusare, gustare, accompagnare, servire e da cui possiamo lasciarci amare. Serve solo una cosa: un cuore come il suo, puro, capace di vedere.

scarica la pagina in pdf

Tutti i diritti riservati
Allegato 08atpag01.pdf (639,26 kB)
L'editoriale di agosto
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.