Medici senza frontiere. «Vado contro i muri»

Ama la speranza il medico anestesista Sandro Zorzi che lavora con Medici senza frontiere: «Ho visto la differenza che facciamo essendo lì, aiutando e non semplicemente guardando quello che succede. I sacrifici sono molti, ma i sorrisi che si guadagnano e le vite  che si cambiano sono sufficienti per fare il medico in questo contesto»

Medici senza frontiere. «Vado contro i muri»

Attenzione!

La lettura di questo articolo è riservata agli abbonati. Per vedere questo contenuto devi essere Abbonato e digitare il tuo login e la tua password. Se vuoi abbonarti clicca su abbonati subito