Toniolo ricerca di febbraio. Quel sottile retrogusto di futuro

Ecco il secondo numero del rinnovato Toniolo ricerca. Cinque articoli e cinque temi, dall'economia, allo sviluppo, dall'ambiente alla famiglia, fino alla cooperazione internazionale. Cinque contributi che analizzano la situazione, gettano luce sugli angoli della finanza, offrono idee per un futuro migliore e più consapevole.
Scarica gratuitamente il mensile in allegato. 

Toniolo ricerca di febbraio. Quel sottile retrogusto di futuro

C’è un filo rosso che corre lungo le pagine di questo secondo numero del rinnovato Toniolo ricerca. Una sorta di retrogusto che lascia la ribalta a temi molto diversi tra loro, ma che si impone a mano a mano che la lettura prosegue. Si tratta del futuro, di una visione proiettata al domani che emerge in ognuno degli articoli che compongono le conque rubriche di questo mensile.

C’è un gran punto di domanda sul futuro del Nordest, una delle aree più ricche e produttive d’Europa, che dopo la grande crisi economica si ritrova in cerca della sua identità. Un’identità, come sostiene Paolo Giaretta (da pagina 5) e una crescita che molto probabilmente passano da una maggiore integrazione fra le tre regioni, Veneto, Trentino Alto Adige e Friuli Venezia Giulia che altrimenti rischiano di cannibalizzarsi a vicenda senza vantaggi per nessuno.
Ma del futuro delle famiglie parlano anche Simone Morandini (da pagina 8) e Alberto Lanzavecchia (da pagina 2). Nel primo caso, riprendiamo la riflessione in corso all’interno della Chiesa dopo i due sinodi proprio sulla famiglia oggi, in attesa dell’esortazione di papa Francesco: come accompagnerà la Chiesa le famiglie del domani, famiglie tutt’altro che esenti da difficoltà? Nel secondo caso si tratta invece dei risparmi delle famiglie, fondamentale ammortizzatore sociale italiano, spesso affidati a enti poco trasparenti nella gestione: è il caso di Coop Alleanza 3.0, nata il 1° gennaio dalla fusione di Coop Adriatica, Coop Estense e Coop Consumatori Nordest.

E poi ancora il futuro della nostra società, sempre più globalizzata, oggi toccata dal dramma umanitario della guerra e della fame che sta producendo un’ondata migratoria senza precedenti. Un fatto, più che un’emergenza, che non tutti appaiono disposti ad affrontare, nell’illusione che si possano chiudere le frontiere e lasciare ad altri l’incombenza. Alessandra Coin (da pagina 14) ci offre uno sguardo lucido, numeri alla mano, del fenomeno, e spiega il progetto “Corridoi umanitari” voluto dalla Comunità di Sant’Egidio, con la Tavola Valdese e le Chiese evangeliche. E infine, la relazione tra l’uomo e l’ambiente, cruciale per il futuro della specie. Torna inquietante, nell’articolo di Matteo Mascia (da pagina 11), quella domanda che spesso abbiamo la tentazione di seppellire nelle nostre agende zeppe: quale pianeta lasceremo alle future generazioni se ogni anno urbanizziamo il 7 per cento dell’Italia. Quale ambiente avremo, in altre parole, se ogni giorno versiamo colate di cemento sul nostro suolo pari a 80 campi da calcio?

Tutti i diritti riservati
Parole chiave: Toniolo ricerca (3), febbraio (2), 2016 (14)
Allegato tonioloricercafeb2016.pdf (3,76 MB)
Toniolo ricerca di febbraio. Quel sottile retrogusto di futuro
  • Attualmente 5 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 5/5 (1 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.