Il mondo nelle nostre mani. Salviamolo

Si apre lunedì a Parigi, la Conferenza delle parti – l'ormai nota Cop21 – che ha il compito di mettere in campo tutte le contromisure necessarie a bloccare i cambiamenti climatici e mantenere sotto i due gradi centigradi il riscaldamento del pianeta da qui al 2100. «Un accordo è possibile – spiega Matteo Mascia della fondazione Lanza – Certo, gli ostacoli non mancano. L'intesa, anche se debole, sarebbe un ottimo volano per l'economia sostenibile e circolare». 

Il mondo nelle nostre mani. Salviamolo
L’obiettivo è uno, ineludibile, e non più rinviabile. Abbattere il più possibile le emissioni di gas serra, anidride carbonica in testa, è quanto mai urgente per mantenere l’innalzamento della temperatura del pianeta entro i due gradi centigradi da qui al 2100. Altrimenti gli effetti devastanti del cambiamento climatico in atto finiranno totalmente fuori controllo.È questa la posta in gioco della 21a sessione della Conferenza delle parti, l’ormai nota Cop 21, che si apre lunedì 30 novembre in una Parigi ancora sotto...

Gentile lettore, grazie per aver scelto questo articolo



Ti interessa continuare la lettura?

Abbonati per un anno alla Difesa del popolo per soli 30 euro

oppure

Prova gratis per un mese il nostro abbonamento digitale


Abbonati subito

Così potrai:



  • leggere il settimanale su pc, smartphone e tablet fin dal mercoledì

  • avere libero accesso in ogni momento a tutti i contenuti del sito
  • aderire agli eventi della nostra associazione "La Difesa s'incontra"


La Difesa del popolo, ogni giorno insieme a te.