Una badante e la tristezza nel cuore

Sto mese de aprile, un tempo, spalancava la primavera sui campi col so vento tiepido, e el vento de sto mese gaveva la so canson: Vento d’aprile di primavera. Na poesia d’amore somenà nel vento: altro mondo e altre canson. Questo invesse xe el tempo de le badanti: care e bone persone, indispensabili par le necessità del presente.

El progresso ga prescrito un modo de vivare diverso, rispeto a quelo de la fameja cristiana de na otantina de ani fa.
Adesso quando un genitore no xe più bon de farghela da solo, se ghe trova na badante, par quei che pole, e se no la casa de riposo. Un discorso “normale” par sti giorni, ma disastroso par chi lo subisse. Quela mama o quel papà, che ga tanto lavorà e fadigà par darghe ai fioi el massimo, secondo le so possibilità, se trova in man a na persona foresta, che no sa gnente de la so fameja e manco ancora de la so vita; che no parla la so lingua e che no xe gnanche de la so religion.

Tuto belo e tuto giusto, sul metro del nostro caminare; ma dentro a l’animo dei veci che se vede abandonà da quei che lori ga amà fin da prima che i vegnesse al mondo, e dopo par na vita intiera, ghe xe na tempesta sensa nome.
In sostansa se ga sbregà el manto dei afeti che gera l’unico insostituibile legame fra genitore e fioi. El presente prescrive altri ordini de vita, de fameja e de afeti: ognùno bada ai sui, e pace a l’anima: «El vecio xe rancurà, assistìo da la badante, e noialtri femo la “nostra” vita».

Adesso la va cussì.
Questa che me vien in mente xe na considerassion povareta par quei che no lo ga visto, ma la xe anche na vetrina de afeti umani.
Quando i portava al masselo la burlina da late dopo ani de servissio, me mama andava in stala a caressarla, sensa farse vedare da nessun. E, al toso del becaro che la portava via, la ghe racomandava: «Daghe da bevare, prima, povara bestia». E quando la gera partìa la andava sul porton de la corte a vardarla fin infondo a la curva de la strada, co le lagrime ai oci, parchè la ne gaveva dà el so late e fato parte de la fameja.
Na considerassion arcaica che tanti de sto tempo no ga mai visto né pol gnanche inmaginare.

A mi – a causa de la television – go visto diverse de ste persone, tante me ga scrito e telefonà, par confidarme la so pena; e no par quello che le subiva, ma par quello che ghe mancava dentro: el ben, l’amore dei fioi.
Questa pol essare solo na sotolineatura dei nostri giorni. Che, da un punto de vista, la xe diventà “normale”. Tanti fa cussì, parchè no se pol far difarente, no se pol tornare indrio.
Fortuna che el cambiamento, ne la magior parte dei casi e de le persone, ga cambià anche la sensibilità dei omani, parfin de quei de na volta, che ghe pareva impossibile.
Posso testimoniare che quei che me telefonava, anche da case de riposo, dopo averme confidà el so tribolare i giustificava i fioli: «Parchè no se podèva far altro».
El ben de un genitore par i fioi, el xe misericordioso come quelo del Padreterno. Un papà mantien sete fioi, ma sete fioi no xe boni de mantegner so papà.

Copyright Difesa del popolo (Tutti i diritti riservati)
Parole chiave: anziani (122), famiglia (213), badanti (11)