Azzardo: in un anno "spariti" dalle tasche degli italiani 17 miliardi

Nel 2013 in Italia sono stati giocati 84,7 miliardi di euro: di questi, 67 sono tornati ai giocatori sotto forma di vincite. E rapportando i soldi persi al numero di abitanti, si scopre che il nostro paese è al secondo posto al mondo per perdite legate al gioco d’azzardo, dietro solo all’Australia.

Azzardo: in un anno "spariti" dalle tasche degli italiani 17 miliardi

Le statistiche mettono l’Italia al 4° posto nel mondo per spesa in gioco d’azzardo. Approfondendo il discorso e aggiungendo qualche criterio, però, si delinea una situazione ben diversa, addirittura peggiore, che fa salire l’Italia al 2° posto.
Lo studio è di Matteo Iori, presidente dell’associazione onlus Centro sociale Papa Giovanni XXIII e di Conagga, coordinamento nazionale gruppo giocatori d’azzardo. Lo studio parte da un numero: 84,7. Sono i miliardi giocati nell’azzardo nel 2013 secondo il Libro blu dell’Agenzia delle dogane e dei monopoli.

Ogni anno "spariscono" 17 miliardi di euro. Di questi, 67,6 sono ritornati ai giocatori sotto forma di vincite; 17 definitivamente persi, sono andati in parte all’erario, in parte alla filiera del gioco d’azzardo. Concentrandoci solo sui soldi persi: secondo i risultati del più autorevole report internazionale sul fenomeno (quello di H2 Gambling Capital), sono solo 10, al mondo, i paesi nei quali gli abitanti perdono oltre 10 miliardi di dollari all’anno. Davanti a tutti, Stati Uniti (119 miliardi), seguiti da Cina, Giappone e poi Italia, con quasi 24 miliardi di dollari (ovvero i 17 miliardi di euro citati prima).
«Ho fatto un passo successivo: ho diviso queste cifre per il numero di abitanti dei vari stati, neonati inclusi, per capire quale fosse la spesa pro-capite. Così facendo, l’Italia sale al 2° posto, con 400 dollari persi a testa all’anno nel gioco d’azzardo. Davanti solo gli australiani, con 795 dollari pro-capite», spiega Iori.
Non è tutto: è vero che in Australia perdono il doppio che in Italia, ma quanto possono permettersi di spendere gli australiani rispetto agli italiani? Ovvero: quanto incidono i giochi persi al gioco d’azzardo sul reddito pro-capite dei cittadini? «Utilizzando i dati del Fondo monetario internazionale, vediamo che il prodotto interno lordo pro-capite degli australiani è il doppio rispetto a quello degli italiani. Analizzando quindi quanto pesano le perdite del gioco d’azzardo sul reddito dei cittadini, si scopre che solo 2 paesi al mondo perdono più dell’1 per cento dei propri redditi, inseguendo la fortuna: Australia e Italia, distanziando moltissimo tutti gli altri».

Iori mette in luce anche le diversità tra i vari giochi: i più pericolosi sono slot-machine e videolottery, seguiti a grande distanza dai giochi on-line e, fanalino di coda, dai gratta e vinci: «È chiaro che sono le slot e le videolottery a trascinare il gioco d’azzardo in Italia: ci si può giocare di continuo, non prevedono relazioni umane, si trovano ovunque e a ogni ora».
Difficile ipotizzare una soluzione, ma Iori un’idea chiara ce l’ha: «Uno dei problemi principali è che nel nostro paese il gioco d’azzardo non è ancora riconosciuto all’interno dei Lea, i livelli essenziali di assistenza: di conseguenza, lo stato non garantisce la cura gratuita ai giocatori patologici come invece fa per altre forme di dipendenza».

Leggi tutti gli articoli dello speciale sul Gioco d'azzardo.

Copyright Difesa del popolo (Tutti i diritti riservati)
Parole chiave: slot machine (39), videolottery (3), gratta e vinci (8), azzardo (67), giochi (10)
Fonte: Redattore sociale (www.redattoresociale.it)