Chiesa nel mondo

Intervista a mons. Henryk Hoser, visitatore apostolico di carattere speciale per la parrocchia di Medjugorje. Se non ci sono novità sullo stato di Medjugorje, stabilito dalle autorità ecclesiali, sono però stati fatti molti passi in avanti nell’accoglienza dei pellegrini. Un numero certamente in crescita, spiega mons. Hoser: "Secondo noi la cifra è intorno ai tre milioni di persone all'anno, il flusso maggiore è d'estate ma ci sono pellegrini durante tutto l'anno".

Tre casi di abuso su minori, nell’ambito della Compagnia di Gesù, sono emersi in pochi giorni. Prima è stato espulso dalla Compagnia e dimesso dallo stato clericale il novantacinquenne padre Leonel Ibacache Ortiz. Quindi analogo provvedimento è stato preso per padre Jaime Guzmán Astaburuaga. Infine, è emerso in tutta la sua crudezza il caso destinato a fare più scalpore, quello di Renato Poblete Barth, deceduto nel 2010. Una figura conosciutissima in Cile: fu per oltre vent’anni cappellano dell’istituzione caritativa “Hogar de Cristo”, fondata dal santo gesuita Alberto Hurtado

Si è spento nella notte tra mercoledì e giovedì, a Seregnano, in provincia di Trento, all'età di 86 anni don Celestino Tomasi, prete della diocesi di Trento. Una presenza nota ben al di là dei confini della sua diocesi. Don Celestino, infatti, era volto noto a chiunque abbia mai partecipato ad eventi, congressi, seminari e conferenze in ambito ecclesiale.

Il crollo del Ponte Morandi “è stata una ferita inferta al cuore della vostra città, una tragedia per chi ha perso i propri congiunti, un dramma per i feriti, un evento comunque sconvolgente per chi è stato costretto a lasciare le proprie case vivendo da sfollato”. Lo afferma Papa Francesco in un messaggio ai genovesi inviato al quotidiano “Il Secolo XIX” in occasione del primo anniversario del crollo del Ponte Morandi.

Dalla capitale Antananarivo parla al Sir il gesuita padre Elio Sciuchetti, che vive da 48 anni in Madagascar. Papa Francesco sarà lì dal 6 all'8 settembre prossimo, nell'ambito del viaggio che toccherà anche Mozambico e isole Maurizio. Il missionario spera di ascoltare dal Papa “un appello a favore della giustizia sociale, contro la corruzione e la povertà. La popolazione malgascia ha diritto ad una vita migliore”

(Corpus Christi – Texas) “Bisogna agire rapidamente e smettere di usare un linguaggio pieno di odio che ci umilia e ci divide e motiva alcuni a violenze orribili”. A una settimana dalla sparatoria di El Paso, in Texas, dove 22 persone sono state uccise e decine sono state ferite da Patrick Crusius, i vescovi americani richiamano i leader politici e tutti i cittadini a lavorare per unire e accogliere perché è solo questo a farci “persone grandi”.