L’editoriale di Maggio

Può capitarci di pensare che il Vangelo sia tutta un’illusione, che le esortazioni di Gesù siano solo delle vuote utopie. È proprio vero che risorgeremo? È proprio vero che «nulla è impossibile a Dio»? Come possiamo credere che siano «beati quelli che piangono…»? 

L’editoriale di Maggio

Può capitarci di pensare che il Vangelo sia tutta un’illusione, che le esortazioni di Gesù siano solo delle vuote utopie. È proprio vero che risorgeremo? È proprio vero che «nulla è impossibile a Dio»? Come possiamo credere che siano «beati quelli che piangono…»? Forse ci capita di pensare che per Gesù tutto è possibile, sì, perché è il Figlio di Dio, ma per noi poveri mortali? Essere cristiani è una sfida da abbracciare ogni giorno e chi ci è vicino nel nostro credere quotidiano?
Maria di Nazareth è una donna come noi, un’umile ragazza che si è trovata la vita totalmente trasformata da Qualcuno che l’ha incontrata all’improvviso. La devozione alla Madonna, soprattutto in questo mese di maggio, nasce proprio dalla vicinanza che percepiamo con l’esperienza di Maria. La vita di questa donna, divenuta la Madre di Dio, non è stata facile considerando il dolore più duro per una madre, cioè la morte di un figlio. Maria, insomma, è un po’ come un’assicurazione, una garanzia che il vangelo non è una presa in giro e che è possibile vivere la vita fidandosi del Signore Gesù. In questo cammino non siamo soli, ci sentiamo accompagnati da una donna che ci testimonia la bellezza di credere alle promesse di Dio.

scarica la pagina in pdf

Copyright Difesa del popolo (Tutti i diritti riservati)
Allegato 05atpag01.pdf (34,48 kB)