L'editoriale di febbraio

Possiamo accedere a miliardi di cose online, direttamente dal dispositivo che abbiamo. Ma quante password dobbiamo ricordarci per entrare ogni volta in un posto! La nostra sembra essere l’epoca delle registrazioni e delle password, dei “pin”, dei “numeri segreti”. Conoscere un codice, racchiudere tutto in un numero, ci dà allo stesso tempo un potere immenso e un approccio fragilissimo alle cose.

L'editoriale di febbraio
Possiamo accedere a miliardi di cose online, direttamente dal dispositivo che abbiamo. Ma quante password dobbiamo ricordarci per entrare ogni volta in un posto! La nostra sembra essere l’epoca delle registrazioni e delle password, dei “pin”, dei “numeri segreti”. Conoscere un codice, racchiudere tutto in un numero, ci dà allo stesso tempo un potere immenso e un approccio fragilissimo alle cose. Se conosciamo la password va tutto bene, altrimenti facciamo parte del grande partito di coloro che cliccano sulla scritta:...