La giornata di martedì 24 marzo

Che cosa è il valore? A quali valori ci riferiamo? Quali priorità diamo nella scala dei valori? Nel dizionario della lingua italiana sotto la parola valore si legge: «Quanto vale una cosa, prezzo, costo; l’insieme delle qualità per lo più buone di una cosa; importanza, peso, efficacia, credito; valori morali: quelli ideali in cui un uomo crede».

La giornata di martedì 24 marzo

Valore quindi è qualche cosa che ha peso, significato, importanza e perciò è un bene o è considerato come tale. Ci sono dei valori che sono fondamentali ed essenziali come la vita, la libertà, la dignità umana, la famiglia, l’amore, la fede: l’uomo non può realizzarsi pienamente senza questi valori.
Ci sono valori strumentali: il cibo, il vestito, la casa, il denaro, la cultura, lo svago aiutano l’uomo a realizzare se stesso.
Tutti i doni che Dio ha dato all’uomo sono valori. La sapienza del cuore, dice il cardinale Martini, consiste nella «consapevolezza amorosa e riconoscente della mia vita come dono, della mia vita come è adesso, mentre scaturisce dal Padre come misericordia e pazienza. La sapienza del cuore consiste nell’imparare a vedere che in ogni cosa Dio è propizio a me, che mi ama con tutto se stesso e con tutto se stesso si dona a me anche nell’avvenimento più piccolo, più banale: quando respiro, quando cammino o parlo, quando mi rallegro o quando soffro».
Tutto è valore perché tutto è dono, momento per momento. Ricordate Bernanos: «Tutto è grazia». Il primo problema sta nel riconoscere i valori come dono. Il secondo problema sta nel metterli in ordine, secondo una giusta priorità, stabilire una giusta scala di valori. Il mondo è un valore ma «che cosa giova all’uomo se riesce a guadagnare tutto il mondo, se poi va in deperimento la sua anima?».

Scarica la pagina in pdf

Copyright Difesa del popolo (Tutti i diritti riservati)
Allegato 03atpag73e74e75.pdf (1,40 MB)