Diocesi

Sostegno sociale parrocchiale. Istituito un fondo, da parte della Diocesi, per intervenire nelle situazioni di difficoltà causate dalla crisi in atto. Ogni comunità è invitata ad attivarsi per incrementarlo. Coinvolgere la comunità: è questo l'obiettivo del "Sostegno sociale parrocchiale". «Lo stile è quello del "buon vicinato", per intercettare chi vive una condizione di fragilità. È importante, però, che non sia solo la Caritas a occuparsene».

Compie 200 il campanile di San Michele Arcangelo a Santa Maria di Sala e per l'occasione la cella campanaria e i meccanismi che regolano il suono verranno restaurati. Inoltre alle quattro campane già presenti ne verrà aggiunta una quinta che la comunità, tramite semplice sondaggio su Facebook, ha deciso di dedicare a San Francesco d'Assisi.

La Caritas interparrocchiale di Camposampiero, che include le parrocchie di San Marco (della diocesi di Padova), di Rustega e dei Santi Pietro e Paolo (diocesi di Treviso) e la comunità dei frati minori conventuali dei Santuari Antoniani, ha attivato, già da alcuni anni, un progetto denominato “Sentinelle della fragilità”. L’intento è sentire e vedere situazioni di bisogno e segnalarle poi alla Caritas, con quella discrezione e sensibilità che ci fa essere davvero fratelli tutti

La carità nel tempo della fragilità è il tema dell’assemblea diocesana delle Caritas parrocchiali, dei Centri di ascolto vicariali e dei servizi diocesani in programma domani, sabato 14 novembre 2020 (ore 10-11.30), che sarà esclusivamente in modalità on line, prestandosi così a un’attenzione e una partecipazione più ampia.

Sono invitati i volontari delle Caritas parrocchiali e dei centri di ascolto vicariali, ma anche tutti gli operatori pastorali. Il tema: la fragilità. Interverranno, tra gli altri, il sociologo Luigi Gui su come la pandemia ha compito il particolare gli ultimi, e Massimo Santinello, docente alla facoltà di psicologia all’Università di Padova, sugli studi rispetto al “buon vicinato”

Azione Cattolica. Ripartire, esplorare e scegliere sono i verbi, scelti dalla presidenza nazionale, che dicono lo stile con cui “essere di Ac” in questo tempo. «In una sola parola: impegnarsi» secondo Francesco Simoni

A Salboro il parroco don Cristiano Arduini con l’aiuto di alcuni volontari ha voluto riproporre la “Giornata del Ringraziamento”, che compie 70 anni, nella tradizionale seconda domenica di novembre a ridosso della festa di San Martino. Ricorrenza questa, che nel passato mondo contadino segnava la conclusione dell’annata agraria, con tutti i maggiori raccolti ormai ultimati e contemporanea scadenza per il rinnovo dei contratti di mezzadria.

Seppur in un clima un po' rallentato, con uno spirito di attenzione e attesa, l'attività della casa di spiritualità diocesana Villa Immacolata prosegue. Alcune proposte sono state rimodulate e pensate in forma online, altre spostate alla primavera dell'anno prossimo altre ancora continuano in presenza, seguendo le indicazioni anti contagio. In questa programmazione si inserisce anche la web radio che a partire proprio da novembre offre una ricca programmazione alla portata di tutti e su argomenti diversi.