Diocesi

Tre nuove nomine firmate dal vescovo Claudio Cipolla. C'è il nuovo direttore dell'ufficio diocesano per le comunicazioni sociali, l'incaricato diocesano per le famiglie in collaborazione pastorale e i responsabili dell'Ufficio diocesano per la pastorale della famiglia per il quinquennio 2019-2024.

Sono innumerevoli le proposte formative che prendono avvio in queste settimane a cura dell’Ufficio per la pastorale della famiglia della diocesi. Tra queste c’è il percorso “Legami Spezzati”, incontri mensili rivolti a chi ha vissuto o sta vivendo il dolore della separazione o del divorzio ma anche a chi ha intrapreso una nuova relazione sentimentale. Gli incontri vanno nella direzione della nota pastorale di pochi mesi fa del vescovo Cipolla “Accompagnare, discernere e integrare le coppie separate e divorziate che vivono in una nuova unione”. Un itinerario di sostegno e ricarica spirituale affinché nessuno si senta fuori dalla Chiesa ma dentro a essa grazie alla vicinanza, alla cura, all'accompagnamento fraterno.

Continuano le giornate di spiritualità per adulti organizzate dalla casa di spiritualità diocesana di Villa Immacolata: mercoledì 23 ottobre, la proposta è rivolta a chi appartiene al vicariato di Selvazzano, giovedì 23 per il Graticolato e venerdì 25 per il Piovese. Il direttore don Federico Giacomin guida la proposta “Le mirofore al Sepolcro” che inizia alle 9.30. Info: 049-5211340 o www.villaimmacolata.net

Il percorso biblico dedicato ad approfondire il Vangelo di Giovanni avviato il 10 ottobre ad Arzergrande è la prima proposta aperta alla comunità di don Maurizio Rigato, originario del piccolo comune della Saccisica e da poco rientrato dagli studi teologici a Roma. Gli incontri iniziano un anno pastorale ricco di novità.

Ripartono le attività nei centri parrocchiali dove i circoli Noi sono presenti con iniziative ludiche e culturali rivolte a tutta al comunità. Ecco come si stanno muovendo i circoli di Romano d’Ezzelino e San Giorgio delle Pertiche. Mentre ripartono tantissime attività... altre ancora se ne stanno progettando. E si riflette pure su questioni importanti, guardando anche ai nuovi soci

I “Lunedì della missione” nell’edizione 2019-20 sono pronti al via. Lunedì 21 ottobre alle 20.45 nella parrocchia di Cave (via Tartaglia 6 a Padova) i fidei donum a Roraima, nell’Amazzonia brasiliana, don Luigi Turato e don Orazio Zecchin, interverranno su “Amazzonia, bem viver” proprio mentre in Vaticano continua il Sinodo panamazzonico voluto da papa Francesco.

A Este l'integrazione dei richiedenti asilo funziona, grazie alla collaborazione tra lo Sprar e la parrocchia di Santa Tecla. Tanto che alcuni migranti sono diventati volontari: fanno manutenzioni in patronato e tengono aperto il bar. Uno di loro ha fatto l'aiuto cuoco al camposcuola e la polisportiva adesso ha anche una squadra africana. «L'integrazione non è soltanto avere un posto letto, ma una questione di relazioni» - afferma il parroco don Franco Rimano. 

Tra di loro c’è chi ha continuato a coltivare la propria fede anche dopo aver ricevuto i sacramenti. C’è chi invece si è fermato al termine del catechismo. E poi c’è chi non teme di esprimere i propri dubbi sulla Chiesa come gerarchia, sulla verità dei miracoli, sull’affidabilità delle Scritture… 

L’unità pastorale di Arre, Arzercavalli, Candiana, Fossaragna e Pontecasale ha scelto il proprio nuovo logo. Sono stati otto i partecipanti al bando emesso nelle scorse settimane: Cristina Berto di Conselve, Annalisa Frison di Arre, Silvano Manfrin di Candiana, Laura Mastellaro di Bologna (nativa di Arre), Riccardo Pasqualin di Padova (con origini candianesi), Sergio Scalabrin di Arzercavalli, Michele Teobaldo di Arre, Celeste Trovò di Arzercavalli.