Cercatori di senso. Centro universitario, al via l'anno accademico

Centro universitario, al via l'anno accademico. La novità è "in te", viaggio nell'interiorità da lunedì 14 ottobre al centro Antonianum in Prato della Valle

Cercatori di senso. Centro universitario, al via l'anno accademico

Dare una risposta alle domande e ai bisogni dei giovani studenti. È questo il principale obiettivo dei cammini proposti ogni anno dal Centro universitario di Padova che, nella sua sede di via Zabarella 82, da cinquant'anni giorno dopo giorno fa da catalizzatore per chi cerca dei servizi, delle occasioni culturali, dei momenti di spiritualità.

«In questi anni – spiega don Roberto Ravazzolo, direttore del centro – la nostra sede di palazzo Trevisan con le sue aule studio, la cripta per chi desidera ritirarsi in preghiera e le sale conferenze, è diventata una casa per i giovani e non solo. Qui è benvenuto chiunque ha voglia di trovare una briciola di significato dentro di sé».

Per questo anno accademico il Centro universitario ha pensato di affiancare alle consuete proposte della “Preghiera di santa Sofia”, delle “Dieci parole di vita” e di “In tutti i sensi”, il nuovo cammino “In te – viaggio nell’interiorità” che attraverso dodici tappe divise in due periodi (ottobre-dicembre 2019 e febbraio-maggio 2020) propone ai ragazzi un viaggio nel proprio animo per imparare l’ascolto, il silenzio e il dialogo con Dio e con gli altri.

Come raccontano le pagine bibliche molti uomini e donne hanno compreso la propria interiorità mettendosi in cammino e lasciando la terra d’origine, i legami familiari e ogni sicurezza per fidarsi di Dio. Così ai ragazzi viene chiesto, attraverso la preghiera, gli spunti biblici e la condivisione, di abbracciare il viaggio per scoprire le proprie profondità. Gli incontri si tengono dalle 19 alle 21 a partire dal 14 ottobre presso il centro Antonianum in Prato della Valle e ai partecipanti è richiesta continuità nella partecipazione, un tempo di preghiera giornaliero di un quarto d’ora e l’accompagnamento personale di una guida durante l’anno di cammino.

La “Preghiera di santa Sofia” è, invece, dal 1983 l’appuntamento di preghiera storico del Centro universitario. Otto incontri – uno al mese a partire dal 16 ottobre dalle 21 alle 22 presso la chiesa di Santa Sofia – che con parole, musica, canto e pratica silenziosa avvicinano i ragazzi alla preghiera che nasce da una relazione con la parte profonda di noi.

Sono due, infine, le proposte in programma nella sede del Centro in via Zabarella: “In tutti i sensi”, che un sabato mattina al mese (fino a maggio) propone dodici incontri sulle principali questioni filosofiche, e “Dieci parole di vita”, il percorso rivolto ai ragazzi dai 18 ai 35 anni che ha come filo conduttore i dieci comandamenti (dal 15 ottobre ogni martedì alle 21). Da segnalare che questo ciclo è pensato anche per gli adulti presso la chiesa di San Basilio a Roncaglia. Informazioni www.centrouniversitariopd.it

Da 50 anni

Palazzo Trevisan-Mion è stato acquistato dalla Curia 50 anni fa per avviare nuovi progetti per la pastorale universitaria così come previsto dalla dichiarazione conciliare Gravissimum educationis che richiedeva la formazione presso le università di luoghi per offrire assistenza spirituale e intellettuale ai giovani.

Con la firma di mons. Magarotto, allora vicario generale della Diocesi, il 12 luglio 1974 fu ufficialmente “Centro universitario padovano” e da allora offre proposte aperte al mondo teologico, sociale e culturale.

Copyright Difesa del popolo (Tutti i diritti riservati)
Parole chiave: preghiera (58), ragazzi (8)