Fatti

La povertà del Nord, la fuga e il reinserimento all’interno della società sudcoreana. Jun Heo racconta la sua esperienza come “North Korean Defector”. Dopo aver tentato di scappare per ben tre volte, Jun è riuscito a raggiungere Seul, dove oggi vive e studia

Gli elettori Usa sono chiamati a scegliere il nuovo presidente. Appuntamento ai seggi il 3 novembre, ma 60 milioni di cittadini hanno già votato per posta. Il Paese, oggettivamente ricco e potente, è però attraversato da una triplice crisi: sanitaria, economica, razziale. E resta fortemente diviso tra stati rurali e industriali, tra piccoli villaggi e grandi metropoli, tra repubblicani e democratici… Ne parliamo con Emiliano Bos: il corrispondente da Washington per la Rsi conosce a fondo gli States, che ha da poco attraversato in camper

Una presenza all'estero con cifre simili al secondo dopoguerra. Dal 2006 ad oggi è aumentato il livello di studi di chi parte (+193,3% di laureati) ma la crescita più alta è stata tra i diplomati (+292,5%) disposti a cercare qualsiasi lavoro. Una sorpresa sono le nuove destinazioni: Malta, Portogallo, Irlanda, Norvegia, Finlandia. Il Rapporto Italiani nel mondo della Fondazione Migrantes

Vince il sì alla riforma della Costituzione con il 78 per cento. Entro l’aprile del 2021 dovranno essere eletti i rappresentanti della nuova assemblea costituente, che avrà un anno di tempo per elaborare la bozza della nuova Carta. Migliaia di persone hanno festeggiato per le strade della capitale Santiago

Comprendendo sanità, scuola, sostegni alle imprese e altri settori lo scostamento di bilancio sarà di 22 miliardi che non sono pochi. Toccherà al Parlamento approvare le misure proposte dal Governo e sottoposte alla Ue che le esaminerà e le rimanderà per l’approvazione definitiva entro dicembre. Non ci saranno prevedibilmente grandi contestazioni. I debiti nazionali si gonfiando ovunque per gestire l’oggi. Prima o poi dovranno ridursi per ripagare l’Unione europea, gli istituti sovranazionali e i grandi investitori istituzionali che hanno messo a disposizione una liquidità impressionante. Per alcuni Paesi rientrare dall’indebitamento straordinario sarà gestibile, altri faranno più fatica