Fatti

“Il sistema delle banche italiane è solido. Stiamo vigilando perché non sia messo in difficoltà” dalle oscillazioni e dai rischi dei mercati. Intervenendo a Roma alla Giornata del risparmio, il ministro Giovanni Tria si è soffermato sulla situazione finanziaria ed economica del Paese e, seppur indirettamente, ha risposto ad alcune osservazioni svolte dal governatore della Banca d’Italia Visco.

Gli aggiornamenti sul fronte meteo e fiumi di martedì 30 ottobre, per i passaggi delle piene dopo le piogge eccezionali degli ultimi tre giorni. Situazione delicata sull'Adige e sul Piave, con il colmo di piena previsto alle 10 del mattina. Sospiro di sollievo per il Bacchiglione a Vicenza, con una piena minore del previsto, che arriverà a Padova in serata. Niente superponte: a Padova scuole aperte il 31 ottobre.

Grande favorito il candidato di destra Bolsonaro, che difende e appoggia la tolleranza zero di polizia e forze armate nella gestione della sicurezza. Nel solo stato di Rio de Janeiro, la loro azione non ha migliorato la sicurezza, e il numero delle persone uccise, soprattutto nelle favelas, non è mai stato così alto

XIII edizione del Rapporto Italiani nel mondo curato dalla Fondazione Migrantes, dedicato ai giovani italiani all'estero. Tra i temi affrontati: il lavoro e le relazioni tra generazioni, l’associazionismo, le necessità pastorali e burocratiche. Non vengono tralasciati argomenti scottanti come come l’estrema povertà che porta molti italiani a vivere in strada - è il caso di Londra - né la presenza irregolare, detenzione ed espulsione in alcuni territori come l'Australia.

La Commissione europea chiede all’Italia di presentare una nuova bozza di bilancio entro tre settimane. I problemi rilevati riguardano il deficit eccessivo e le mancate misure per ridurre il debito."Spendete 65 miliardi l'anno per interessi", quanto si investe per scuola e istruzione. 37mila euro a testa di debito pubblico: un "fardello che grava sulle prossime generazioni"

“Per quanto riguarda il sentiero del saldo strutturale, il Governo italiano è cosciente di aver scelto un’impostazione della politica di bilancio non in linea con le norme applicative del Patto di stabilità e crescita. È stata una decisione difficile ma necessaria alla luce del persistente ritardo nel recuperare i livelli di Pil pre—crisi e delle drammatiche condizioni economiche in cui si trovano gli strati più svantaggiati della società italiana”.