Fatti

L’omicidio della giornalista Lyra McKee rischia di scatenare nuove ondate di violenza nell'Ulster. Il problema-Brexit può alimentare divisioni sopite con l'accordo del Venerdì santo. Nel frattempo crescono nel Regno Unito le tensioni in vista delle ormai probabili elezioni europee del 23 maggio. L'esperto, che ha vissuto a lungo nell'Irlanda del Nord, parla inoltre della premier May, delle lacerazioni fra i conservatori, del possibile ruolo del Labour, della formazione di Nigel Farage e del partito unionista Dup

Per Benjamin Netanyahu, uscito vincitore dalle elezioni del 9 aprile, è pronto un nuovo punto d’attrito con le Nazioni Unite. Nelle scorse settimane l’Onu ha diffuso un report in cui dichiara che “lo sfruttamento israeliano delle risorse palestinesi è una violazione dei diritti umani”

Ricerca di Actionaid, svolta insieme alla cooperativa BeFree. La violenza di genere è il fattore principale alla base dell’espatrio verso l’Italia, seguito dalla povertà. Carenze anche nel nostro sistema di protezione, peggiorate con l'introduzione del Decreto Sicurezza. L'Ong: "Servono modifiche e maggiori tutele"

Le imprese non sono nelle condizioni ottimali per avviare nuove attività e nuova occupazione. Dazi e frenata dell'economia mondiale inducono a un atteggiamento simile, ma non identico, a quello delle famiglie. Avviare un prestito per un nuovo progetto ha una complessità maggiore rispetto a un mutuo per la casa. Nell’ultimo rapporto mensile l’Associazione delle banche italiane (Abi) segnalava a marzo una richiesta di prestiti da famiglie e imprese limitato a +1,1%. Gli investimenti privati delle imprese scendono mentre qualche dato positivo è emerso a febbraio con una produzione in crescita dello 0,9% anno su anno, invertendo una tendenza negativa del 2018. Le imprese non possono fermarsi e ricostituiscono le scorte confidando in nuovi stimoli all’economia, in parallelo con i maggiori consumi attesi dalla distribuzione del reddito di cittadinanza, che il Governo ha preannunciato con un forte impegno di spesa pubblica

Le registrazioni riguardano alcune telefonate intercorse tra il 18 e il 19 marzo, tra il comando generale delle Capitanerie di porto - sala operativa di Roma (IMRCC), una nave militare italiana, di stanza a Tripoli, impegnata nella missione bilaterale tra Italia e Libia denominata “Nauras” e la Guardia costiera libica

Dodici mesi dopo Ortega è ancora in sella e vari oppositori politici sono ancora in carcere, anche se martedì il Governo ha annunciato la scarcerazione e gli arresti domiciliari per oltre seicento detenuti, in occasione della Settimana Santa. Le manifestazioni, che pure sono state annunciate per questi giorni dall’opposizione, restano fuorilegge. Ieri una manifestazione prevista a Managua è stata subito repressa dalle forze di polizia. Nel mezzo, tra una data e l’altra, ci sono oltre 300 morti, migliaia di feriti, 62mila profughi (secondo gli ultimi dati forniti dall’Onu), fuggiti soprattutto in Costa Rica

“Quando un sistema sanitario riceve un riconoscimento di qualità in oncologia è sempre un momento di particolare soddisfazione, perché significa che sta facendo bene nella lotta al male più temuto. Grazie al Prof. Rugge per aver rilanciato il Registro Tumori del Veneto, oggi il più grande Registro regionale d’Italia, e complimenti per la nomina alla guida dell’Associazione Italiana Registri Tumori – AIRTUM, che è meritata e corretta”.

La situazione in Libia si aggroviglia sempre di più. Con il Generale Khalifa Haftar, leader dell’Esercito nazionale libico (Lna), che non ha concluso velocemente la campagna militare su Tripoli lanciata il 4 aprile, come prevedeva di fare. E a rimetterci sono gli abitanti e i migranti rinchiusi nei centri di detenzione