Muore senza dimora a Milano, il secondo in poco più di un mese

Era stato dimesso da pochi giorni dal Policlinico e inviato al centro di aiuto del Comune dove non si era presentato. Due morti che ripropongono il problema dei numerosi senzatetto che rifiutano l'accoglienza, nonostante il freddo

Muore senza dimora a Milano, il secondo in poco più di un mese

MILANO - Era stato ricoverato più volte in ospedale. Questa mattina, alle 7, l'hanno trovato senza vita in via Coletta angolo viale Umbria, vicino al centro commerciale. N.W., 47 anni, cingalese, era uscito dal Policlinico l'8 gennaio. "Dall'ospedale avevamo avuto una richiesta per un posto in accoglienza ordinaria e abbiamo dato la nostra disponibilità chiedendo di inviarlo al Centro aiuto per fare i test (mantoux e visita medica) necessari per l’accoglienza nei centri -fanno sapere dall'assessorato alle Politiche sociali-. Non si è mai presentato". Dai primi accertamenti, compiuti dalle Forze dell'Ordine, sarebbe stato il freddo a causare il decesso. N.W. era conosciuto da tempo dai servizi sociali. Nel 2017 era stato accolto nella struttura, gestita dalla Fondazione Progetto Arca, che si occupa dei senza dimora che escono da un ospedale e hanno bisogno di un periodo di convalescenza e assistenza. Poi non avrebbe più chiesto aiuto in una dei centri del Terzo settore o comunali. "Al momento abbiamo circa 1800 persone accolte nelle strutture -aggiungono dall'assessorato alle Politiche sociali-. Ci sono un centinaio di posti ancora liberi  e 15 sono quelli che teniamo liberi per quelli che di notte vengono intercettati dalle unità mobili e accettano l’accoglienza".

È il secondo senza dimora morto a Milano negli ultimi mesi, da quando è arrivato il freddo. Il 5 dicembre scorso era stato trovato senza vita T, cinquantenne romeno. Anche lui ben conosciuto sia dalle organizzazioni che si occupano di senza dimora che dal Comune. La morte di T. e di N.W. ripropone il problema dei numerosi senzatetto che rifiutano l'accoglienza, anche in inverno. Per cercare di evitare queste morti in strada, da alcuni anni il Comune di Milano ha istituito anche un numero unico 02 8844 7646 (attivo 24 ore su 24, sette giorni su sette), al quale è possibile segnalare le persone che dormono in strada. È gestito dal Comitato di Milano della Croce Rossa Italiana e ad ogni segnalazione viene inviata sul posto un'unità di strada per convincere la persona ad andare in un dormitorio.

Dario Paladini

Copyright Difesa del popolo (Tutti i diritti riservati)
Fonte: Redattore sociale