Scuola, moduli con etnia per bambini rom? Unar: “Inaccettabile discriminazione”

Il caso è nato dalla diffusione di una foto, dove si mostra tra le caselle da barrare anche le quelle relative all’etnia. I moduli saranno ritirati. “Episodi del genere vanno evitati”

Scuola, moduli con etnia per bambini rom? Unar: “Inaccettabile discriminazione”

ROMA - “Ritengo assolutamente inaccettabile quanto accaduto nell’Istituto Comprensivo di Fossò-Vigonovo, dove ai bambini sono stati distribuiti dei moduli all’interno dei quali andava indicata anche la loro etnia, se nomadi”. Lo sottolinea il neo direttore dell’Unar (Ufficio nazionale anti discriminazioni razziali) Triantafillos Loukarelis.

Il caso è nato dopo la diffusione di una foto, dove si mostra un modulo dato alle famiglie degli alunni in cui, tra le altre, vanno barrate anche le caselle relative all’etnia. Il dirigente scolastico si è difeso dicendo che è un modulo che viene distribuito da almeno dieci anni e serve per integrare e non per discriminare.  Per il direttore dell’Unar “si tratta di un atteggiamento discriminatorio, condannato non solo dalla nostra Costituzione ma anche dal diritto internazionale. In nessun caso sono infatti ammessi censimenti del genere. 

Dopo le polemiche, il dirigente scolastico ha prontamente assicurato il ritiro dei moduli e la ristampa senza l’etnia. “Provvedimento che cogliamo positivamente e, contestualmente, segnaliamo che i nostri uffici sono a disposizione di ogni altro ente che dovesse avere dubbi su simili questioni - sottolinea Loukarelis -. Tutto ciò al fine di evitare il verificarsi di situazioni discriminatorie, che non fanno onore al nostro Paese”

Copyright Difesa del popolo (Tutti i diritti riservati)
Fonte: Redattore sociale