Idee

Un'altra tragedia nel Mediterraneo, altre centinaia di migranti respinti in Libia, mentre i leader politici italiani esultano per la diminuzione degli arrivi tacendo sui morti. Da Barcellona parla al Sir Riccardo Gatti, comandante e capomissione di Open Arms, una delle poche Ong rimaste nel Mediterraneo. La Capitaneria di porto ha impedito alla nave di ripartire per una missione di salvataggio ma è probabile che la situazione verrà sbloccata presto, ancora prima del ricorso presentato da Open arms

Cent’anni fa siamo venuti dall’altra parte del mondo a risolvere un problema a cui nessuno aveva saputo trovare una soluzione: il dislivello degli oceani. Abbiamo portato qui le chiuse di Leonardo. Cent’anni dopo hanno usato la stessa tecnologia per il raddoppio del canale e sono venuti in Italia a chiedere di costruire le paratie. Perché siamo così scoraggiati nell’affrontare la vita quotidiana a casa nostra? Perché non crediamo più di potercela fare? Penso alla società, alla politica e ovviamente anche alla Chiesa che (Vangelo nel cuore) avrebbe più di una ragione per continuare a seminare speranza con sempre maggiore efficacia

Ieri mattina abbiamo partecipato alla Messa domenicale. Forse qualche cosa avrebbe fatto rizzare i capelli ai nostri liturgisti, ma c’è davvero da restare ammirati: chiesa strapiena, famiglie giovani con bambini e ragazzi, l’intensità e la forza dei canti. Si passa in un secondo da un clima di vivace allegria (per il canto) a un silenzio impressionante che permette la preghiera. Un sogno. Pensavo che loro ci guardano con ammirazione, perché veniamo da ciò che considerano l’origine e il cuore della fede: il Mediterraneo (su cui affaccia la Terra Santa), Roma (la tomba di Pietro e la Sede del Papa). Ma anche noi finiamo per ammirare loro: per quella freschezza, quell’entusiasmo, quella disponibilità nell’accogliere la fede, nel cercare di sentirsi coinvolti e di manifestarla

Intervista a Ruth Dureghello, presidente della Comunità ebraica di Roma, alla vigilia della Giornata della memoria. L'antisemitismo rimane un pericolo in tanti Paesi, e anche in Italia riemerge periodicamente in gesti carichi tanto di odio quanto di ignoranza. "Ci preoccupa un dibattito politico e pubblico attraversato da toni troppo accesi e un uso della parola violento e divisivo. Continuiamo a registrare un sentimento di aggressività".

Come sarebbe bello se anche tutti noi riuscissimo a vivere la giornata compiendo ogni azione come se stessimo infilando le perle di bontà di una collana da indossare prima del tramonto…

Il principale requisito economico è un Isee non superiore a 9.360 euro, ma con ulteriori specifiche. Il reddito familiare, infatti, non deve superare i 6.000 euro annui, limite che cresce in base al numero dei componenti della famiglia e alla presenza di minori, fino a un tetto di 12.600 euro (20.000 euro se è presente un disabile). Il patrimonio immobiliare, esclusa la prima casa, non deve superare i 30mila euro

Il voto a Westminster mostra che la politica britannica non riesce a trovare una linea di marcia credibile per portare il Paese fuori dall'Unione. E alla "linea rossa" del 29 marzo - che era stata fissata proprio dal governo inglese - mancano solo dieci settimane. A Strasburgo e Bruxelles emergono voci preoccupate e spazientite: "Il tempo è quasi scaduto..."

La spiritualità civica di Sturzo restava pienamente compatibile con il suo ministero sacerdotale, ma non si rassegnava a rimanere intimistica o levitica, esclusivamente interna a un orizzonte sacrale. Sostenuta da una salda consapevolezza samaritana, tendeva piuttosto a zampillare da una fontana posta al centro della città. Voleva radicarsi sul piano sociale, respirando l’afflato della passione civile

Amnistia per Cesare Battisti? L’arresto e l’estrazione in Italia chiudono una vicenda giudiziaria lunga quarant’anni ma non esauriscono le riflessioni su un caso emblematico di una stagione ancora troppo vicina, e troppo intrisa di sangue, per poter essere già confinata nei libri di storia.

Sono tante le domande che l’omicidio di Natale pone alle nostre comunità. Stare vicini alle famiglie colpite da questo lutto, è solo il primo passo di un cammino di lotta civile e non violenta, perché il nostro vivere insieme sia fondato sulla giustizia, sulla legalità e sulla solidarietà, come fortemente richiamato dal Presidente Mattarella, nel suo messaggio di fine anno. Solo allora il sacrificio di Marcello non sarà stato vano.