L’ottimismo del governo da una parte, il realismo dei dati dall'altra

L’ottimismo del governo si scontra con i dati dei principali centri studi italiani e internazionali. Se “pensare positivo” aiuta sempre ad affrontare il futuro, conferme o smentite sono già dietro l’angolo.

L’ottimismo del governo da una parte, il realismo dei dati dall'altra
Che cosa ha spinto prima il vicepremier e ministro dello sviluppo economico, Luigi Di Maio, e poi il premier Giuseppe Conte al totale ottimismo quando il mondo è impegnato ad arginare il rallentamento? «Io credo che un nuovo boom economico possa nascere, come negli anni ’60 quando abbiamo costruito le autostrade. Oggi creiamo le autostrade digitali», ha detto il primo a metà gennaio parlando a una platea di consulenti del lavoro. E per Conte «ci sono tutte le premesse per un bellissimo 2019 e per gli anni a...

Gentile lettore, grazie per aver scelto questo articolo



Ti interessa continuare la lettura?

Abbonati per un anno alla Difesa del popolo per soli 30 euro

oppure

Prova gratis per un mese il nostro abbonamento digitale


Abbonati subito

Così potrai:



  • leggere il settimanale su pc, smartphone e tablet fin dal mercoledì

  • avere libero accesso in ogni momento a tutti i contenuti del sito
  • aderire agli eventi della nostra associazione "La Difesa s'incontra"


La Difesa del popolo, ogni giorno insieme a te.