La psicologia in oncologia. Il tempo dell’attesa va riempito di senso

Il tempo dell’attesa nell’oncologia: l’attesa di una diagnosi, l’attesa della comunicazione ai familiari, l’attesa di una prognosi infausta, l’attesa della terapia, l’attesa del medico con cui parlare per conoscere la propria malattia e i suoi possibili esiti; l’attesa dello psicologo con cui affrontare insieme un percorso di elaborazione e di senso nel momento forse più critico della propria esistenza. 
Se ne è parlato in occasione della terza Giornata nazionale della psico-oncologia, nei due appuntamenti organizzati nei giorni scorsi a Padova e a Verona dalla Sipo (Società italiana di psico-oncologia) del Veneto e del Trentino Alto Adige in collaborazione con l’Ordine degli psicologi del Veneto e delle province di Trento e di Bolzano.

La psicologia in oncologia. Il tempo dell’attesa va riempito di senso

Gentile lettore, grazie per aver scelto questo articolo



Ti interessa continuare la lettura?

Abbonati per un anno alla Difesa del popolo per soli 30 euro

oppure

Prova gratis per un mese il nostro abbonamento digitale


Abbonati subito

Così potrai:



  • leggere il settimanale su pc, smartphone e tablet fin dal mercoledì

  • avere libero accesso in ogni momento a tutti i contenuti del sito
  • aderire agli eventi della nostra associazione "La Difesa s'incontra"


La Difesa del popolo, ogni giorno insieme a te.