Non si può governare “costi quel che costi”

Sono due le scommesse che il governo 5stelle-Lega ha deciso di giocarsi ed entrambe hanno dei risvolti etici che vale la pena richiamare e analizzare brevemente.

La prima chiama in causa principalmente i 5stelle, che hanno scommesso con i loro elettori che avrebbero mantenuto, costi quel che costi, le promesse fatte in campagna elettorale, in particolare sul reddito di cittadinanza. La seconda chiama in causa soprattutto i leghisti, che a loro volta hanno scommesso con i propri elettori che avrebbero mantenuto, ancora una volta costi quel che costi, le promesse fatte, sempre in campagna elettorale, su espulsione immediata degli immigrati clandestini e lotta contro l’Europa dei burocrati e dei mercanti.

Il vento dei sondaggi è favorevole e la giustificazione che essi portano ha una sua dignità etica: “pacta sunt servanda”, i patti si devono mantenere, costi quel che costi. Ma è proprio vero che i patti si devono sempre e comunque mantenere, costi quel che costi?

Non si può governare “costi quel che costi”

Gentile lettore, grazie per aver scelto questo articolo



Ti interessa continuare la lettura?

Abbonati per un anno alla Difesa del popolo per soli 30 euro

oppure

Prova gratis per un mese il nostro abbonamento digitale


Abbonati subito

Così potrai:



  • leggere il settimanale su pc, smartphone e tablet fin dal mercoledì

  • avere libero accesso in ogni momento a tutti i contenuti del sito
  • aderire agli eventi della nostra associazione "La Difesa s'incontra"


La Difesa del popolo, ogni giorno insieme a te.