Cambiamento climatico, l'allarme dell'Onu: in aumento fame e migrazioni

L'Ipcc, comitato scientifico dell'Onu sul clima, ha diffuso il rapporto che analizza gli effetti: siccità e piogge estreme compromettono la produzione agricola e la sicurezza del cibo. Le più colpite sono le popolazioni povere di Africa e Asia

Cambiamento climatico, l'allarme dell'Onu: in aumento fame e migrazioni

Siccità e piogge estreme nel mondo compromettono la produzione agricola e la sicurezza del cibo. E, se le più esposte alle conseguenze del riscaldamento globale causato dall'uomo sono soprattutto le popolazioni più povere di Africa e Asia, che affrontano guerre e migrazioni, anche il Mediterraneo è ad alto rischio di desertificazione e incendi. E’ l’allarme contenuto nel rapporto "Cambiamento climatico e territorio" del comitato scientifico dell'Onu sul clima, l'Ipcc, diffuso stamattina, redatto da 66 esperti nel mondo. Dal 2 al 6 agosto 2019 il gruppo intergovernativo di esperti sui cambiamenti climatici (Ipcc) si è riunito a Ginevra, in Svizzera. Il rapporto speciale è in preparazione da oltre due anni, ed esplora come il modo in cui utilizziamo la nostra terra contribuisce al cambiamento climatico e in che modo i cambiamenti climatici influenzano la nostra terra. Il rapporto segue quello del 2018, una relazione molto discussa, che spiegava che, se il mondo non avesse ridotto subito l'emissione dei gas serra, nel 2030 il riscaldamento globale avrebbe potuto superare la soglia di +1,5 gradi dai livelli pre-industriali. “La terra è già sottoposta a una crescente pressione umana e il cambiamento climatico si sta aggiungendo a queste pressioni. Allo stesso tempo, mantenere il riscaldamento globale ben al di sotto dei 2°C è un obiettivo che può essere raggiunto solo riducendo le emissioni di gas a effetto serra di tutti i settori, compresi i terreni e gli alimenti”, ha affermato il gruppo intergovernativo sui cambiamenti climatici nella sua relazione. “I governi hanno sfidato l'Ipcc a dare il primo sguardo completo sull'intero sistema terra-clima. Lo abbiamo fatto attraverso numerosi contributi di esperti e governi di tutto il mondo. Questa è la prima volta nella storia dei rapporti dell'Ipcc che la maggioranza degli autori - il 53% - proviene da paesi in via di sviluppo ", ha affermato Hoesung Lee, presidente dell'Ipcc. Questo rapporto mostra che una migliore gestione del territorio può contribuire ad affrontare i cambiamenti climatici, ma non è l'unica soluzione. La riduzione delle emissioni di gas a effetto serra da tutti i settori è essenziale se il riscaldamento globale deve essere mantenuto ben al di sotto dei 2 ° C, se non a 1,5° C.

Puntare sulla sostenibilità

Il rapporto mostra che il mondo è nella posizione migliore per affrontare i cambiamenti climatici quando si concentra l'attenzione sulla sostenibilità. "La terra svolge un ruolo importante nel sistema climatico", ha affermato affermato Jim Skea, co-presidente del gruppo di lavoro III. “L'agricoltura, la silvicoltura e altri tipi di utilizzo del suolo rappresentano il 23% delle emissioni di gas serra. Allo stesso tempo, i processi naturali terrestri assorbono l'anidride carbonica equivalente a quasi un terzo delle emissioni di anidride carbonica prodotte dai combustibili fossili e dall'industria". "I terreni già in uso potrebbero alimentare il mondo in un clima in evoluzione e fornire biomassa per le energie rinnovabili, ma è necessaria un'azione tempestiva e di vasta portata in diverse aree", ha affermato Hans-Otto Pörtner, copresidente del gruppo di lavoro Ipcc II. "Anche per la conservazione e il ripristino degli ecosistemi e della biodiversità".

Desertificazione e degradazione della terra

Quando la terra viene degradata, diventa meno produttiva, limitando ciò che può essere coltivato e riducendo la capacità del suolo di assorbire carbonio. Ciò aggrava il cambiamento climatico, mentre il cambiamento climatico a sua volta aggrava il degrado del suolo in molti modi diversi. "Le scelte che facciamo in merito alla gestione sostenibile del territorio possono contribuire a ridurre e in alcuni casi a invertire questi impatti negativi", ha affermato Kiyoto Tanabe, copresidente della Task Force sugli inventari nazionali dei gas a effetto serra. "In un futuro con piogge più intense aumenta il rischio di erosione del suolo nei campi coltivati e la gestione sostenibile del territorio è un modo per proteggere le comunità dagli impatti dannosi di questa erosione del suolo e dalle frane. Tuttavia, ci sono limiti a ciò che può essere fatto, quindi in altri casi il degrado potrebbe essere irreversibile ”, ha affermato. Circa 500 milioni di persone vivono in aree soggette a desertificazione. Le terre aride e le aree che subiscono la desertificazione sono anche più vulnerabili ai cambiamenti climatici e agli eventi estremi tra cui siccità, ondate di calore e tempeste di polvere, con una popolazione globale in aumento che fornisce ulteriore pressione. La relazione stabilisce opzioni per affrontare il degrado del suolo e prevenire o adattarsi a ulteriori cambiamenti climatici. Esamina inoltre i potenziali impatti di diversi livelli di riscaldamento globale. "Le nuove conoscenze mostrano un aumento dei rischi derivanti dalla scarsità di acqua nelle zone aride, dai danni da incendio, dal degrado del permafrost e dall'instabilità del sistema alimentare, anche per il riscaldamento globale di circa 1,5° C", ha affermato Valérie Masson-Delmotte, copresidente del gruppo di lavoro IPCC I.

Sicurezza alimentare

Un'azione coordinata per affrontare i cambiamenti climatici può migliorare simultaneamente la terra, la sicurezza alimentare e la nutrizione e contribuire a porre fine alla fame. Il rapporto sottolinea che i cambiamenti climatici stanno influenzando tutti e quattro i pilastri della sicurezza alimentare: disponibilità (resa e produzione), accesso (prezzi e capacità di ottenere cibo), utilizzo (alimentazione e cottura) e stabilità (interruzioni della disponibilità). "La sicurezza alimentare sarà sempre più influenzata dai futuri cambiamenti climatici a causa del calo dei rendimenti - soprattutto ai tropici - aumento dei prezzi, riduzione della qualità dei nutrienti e interruzioni della catena di approvvigionamento", ha affermato Priyadarshi Shukla, copresidente del gruppo di lavoro IPCC III. "Vedremo effetti diversi in diversi paesi, ma ci saranno impatti più drastici sui paesi a basso reddito in Africa, Asia, America Latina e Caraibi", ha detto.  Il rapporto registra che circa un terzo del cibo prodotto viene perso o sprecato. Le cause di perdita e spreco alimentare differiscono sostanzialmente tra i paesi sviluppati e in via di sviluppo, nonché tra le regioni. Ridurre questa perdita e spreco ridurrebbe le emissioni di gas serra e migliorerebbe la sicurezza alimentare.

Le politiche che si trovano al di fuori delle questioni della terra e dell’energia, come ad esempio i trasporti e l'ambiente, possono anche fare una differenza fondamentale nella lotta ai cambiamenti climatici. Agire in anticipo è più conveniente in quanto evita le perdite. "Ci sono cose che stiamo già facendo. Stiamo utilizzando tecnologie e buone pratiche, ma devono essere ridimensionate e utilizzate in altri luoghi idonei in cui non vengono attualmente utilizzate", ha affermato Panmao Zhai, copresidente del gruppo di lavoro IPCC I. "Esiste un vero potenziale qui attraverso un uso più sostenibile del territorio, riducendo il consumo eccessivo e gli sprechi di cibo, eliminando la bonifica e la combustione delle foreste, impedendo l'eccessivo raccolto di legna da ardere e riducendo le emissioni di gas serra, contribuendo così ad affrontare i cambiamenti climatici legati alla terra", ha concluso.

Copyright Difesa del popolo (Tutti i diritti riservati)
Fonte: Redattore sociale