"Usciamo dalle gabbie": i detenuti diventano educatori cinofili

E’ sostenuto dalla Regione Sardegna il progetto che dagli Stati Uniti sbarca in Italia, nella casa circondariale di Uta-Cagliari, e che assegnerà ai ristretti la qualifica di istruttore. Il direttore, Marco Porcu: “Ognuno di noi avrebbe qualcosa da imparare da un’esperienza del genere”

"Usciamo dalle gabbie": i detenuti diventano educatori cinofili
CAGLIARI – Cani randagi e detenuti insieme in un progetto che vuole restituire dignità e futuro a vite che si stanno consumando ai margini della società. E’ un percorso di recupero reciproco quello che dagli Stati Uniti sbarca in Italia attraverso l’esperienza che sta partendo nel carcere di Uta (Cagliari). Sostenuto dalla Regione Sardegna, che lo ha inserito nell’ultima finanziaria appena approvata, con un contributo di circa 170 mila euro, il progetto si chiama “Usciamo dalle gabbie”, coinvolgerà circa 20...

Gentile lettore, grazie per aver scelto questo articolo



Ti interessa continuare la lettura?

Abbonati per un anno alla Difesa del popolo per soli 30 euro

oppure

Prova gratis per un mese il nostro abbonamento digitale


Abbonati subito

Così potrai:



  • leggere il settimanale su pc, smartphone e tablet fin dal mercoledì

  • avere libero accesso in ogni momento a tutti i contenuti del sito
  • aderire agli eventi della nostra associazione "La Difesa s'incontra"


La Difesa del popolo, ogni giorno insieme a te.