A Villaga l'ottavo presepio vivente in grotta, cresce "come l'albero della vita"

Il 28 e 29 dicembre torna l’ottava edizione del Presepio Vivente nelle grotte di S.Donato. Appuntamento di Natale atteso dai vicentini e veneti, ma anche da molti visitatori fuori Regione.

A Villaga l'ottavo presepio vivente in grotta, cresce "come l'albero della vita"

S’illuminano le storiche grotte di S.Donato di Villaga per l’ottava edizione del più grande presepio vivente del Veneto, che si svolgerà nel pomeriggio del 28 e 29 dicembre prossimo. E’ l’atteso evento di Natale dell’Area Berica, che torna dopo due anni dalla precedente edizione, con un nuovo tema: “L’Albero della Vita”.

Calzante e aderente alla realtà di oggi, l’edizione porta ancora una volta la firma creativa del regista Antonio Gregolin: «Ogni volta è un autentico “parto” –spiega il regista-, non solo per la complessità della macchina organizzativa che richiama oltre novemila presenze. Ma soprattutto, per cercare di tessere la trama di un racconto sempre diverso, pur fedele alla tradizione».Che sia un presepio vivente diverso, ormai è assodato.

L’attesa è già nell’aria con importanti novità, come annunciano gli organizzatori: «Sarà un presepio al femminile, con la figura della donna-madre al centro. Con scene particolari che mostreranno un Gesù adulto, ma anche Maria e Giuseppe dialogare con i visitatori». Villaga intanto è mobilitata da mesi per il suo speciale presepio in grotta, con centinaia di persone trasformate in pastori, attori, scenografi, costumisti e organizzatori, quasi tutti volontari. Curioso è vedere attori oggi maggiorenni, che 16 anni si prestarono a d essere il Gesù bambino nella culla.

Per Antonio Gotter, coordinatore del Presepio: «Quello che si vede è solo una parte di ciò che in realtà non si vede e si fatica a immaginare per complessità. La macchina organizzativa va già a pieno regime, con volontari affiancati da professionisti, che non lasciato nulla al caso: dai minimi dettagli delle scene, alla sicurezza dei luoghi, fino al confort d’attesa che offriamo prima di visitare il presepio. C’è poi l’aggregazione sociale che è il nostro punto vitale: una piccola realtà di 1400 abitanti come la nostra che si compatta per unificare gli sforzi per raggiungere un obiettivo comune di ampio risalto. Basterebbe questo per giustificare un presepio!».

Per il primo cittadino di Villaga, Eugenio Gonzato che sovraintende le operazioni sul territorio: «Parliamo del maggior evento natalizio dell’Area Berica, svolto in un luogo collinare che ne aumenta le difficoltà e i rischi, come pure la bellezza. Ma il nostro presepio ormai è rodato sul piano organizzativo, migliorando e potenziando i servizi, certi di offrire un’immagine religiosa e culturale del nostro territorio che per due giorni si trasformerà nella Betlemme Vicentina». Per informazioni è disponibile in call center 328 5875777  o la pagina Facebook Presepio Vivente Villaga.

Copyright Difesa del popolo (Tutti i diritti riservati)
Fonte: Comunicato stampa