Alzheimer. Conoscere la malattia è fondamentale per il futuro della popolazione anziana

L’Alzheimer non ha confini sociali, economici, etnici o geografici e non è il normale risultato dell'invecchiamento. Non si può prevenire, ma si può prevenire, ma diagnosticarla precocemente aiuta a limitarne l’impatto. Per riaffermarlo, anche quest’anno Anap, Confartigianato e Ancos hanno organizzato la “Giornata Nazionale di Predizione dell'Alzheimer”. Nell’occasione è stata diffusa la ricerca “Alzheimer e anziani. Analisi di alcune evidenze su popolazione di 65 anni ed oltre”, una raccolta di dati aggiornati su malati di Alzheimer e demenze senili, con un focus su quelli territoriali per incidenza di mortalità, elaborata dall’Ufficio Studi Confartigianato impresa e riferita al 2015.

Alzheimer. Conoscere la malattia è fondamentale per il futuro della popolazione anziana
In Italia ci sono 616mila anziani malati di Alzheimer o di demenza, pari al 4,7% degli over 65. E’ un problema di dimensioni sempre più vaste, che incide profondamente sulla qualità della vita e ha un forte impatto anche a livello sociale. Lo rileva lo studio Alzheimer e anziani. Analisi di alcune evidenze su popolazione di 65 anni ed oltre, promosso Anap, Confartigianato e Ancos, insieme al dipartimento di Scienze Geriatriche dell'Università la Sapienza di Roma, alla Fondazione per lo studio della geriatria e gerontologia e...

Gentile lettore, grazie per aver scelto questo articolo



Ti interessa continuare la lettura?

Abbonati per un anno alla Difesa del popolo per soli 30 euro

oppure

Prova gratis per un mese il nostro abbonamento digitale


Abbonati subito

Così potrai:



  • leggere il settimanale su pc, smartphone e tablet fin dal mercoledì

  • avere libero accesso in ogni momento a tutti i contenuti del sito
  • aderire agli eventi della nostra associazione "La Difesa s'incontra"


La Difesa del popolo, ogni giorno insieme a te.