Scoperti i conti delle tangenti Mose. Indagati i commercialisti di Galan

Sequestrati oltre 12 milioni di euro dalla Polizia economico finanziaria di Venezia, su ordine del Gip, nell'ambito di un'indagine per riciclaggio internazionale ed esercizio abusivo dell'attività finanziaria, riguardante il reinvestimento all'estero delle tangenti incassate dall'ex presidente del Veneto, Giancarlo Galan. Tra i sei indagati quattro sono professionisti padovani - il commercialista dell'ex Governatore, sua moglie e due colleghi di studio - due sono svizzeri.

Scoperti i conti delle tangenti Mose. Indagati i commercialisti di Galan
Gli accertamenti finanziari e le indagini tecniche hanno consentito di accertare che tra il 2008 ed il 2015 i commercialisti padovani avevano garantito, tramite il loro studio professionale, l’intestazione fiduciaria di quote di una società veneziana, che dalle indagini sul Mose era risultata essere di fatto riconducibile a Giancarlo Galan; inoltre, i professionisti avevano messo a disposizione conti correnti in Svizzera, intestati a società di Panama e delle Bahamas e gestiti dai due fiduciari svizzeri, le cui somme sono...

Gentile lettore, grazie per aver scelto questo articolo



Ti interessa continuare la lettura?

Abbonati per un anno alla Difesa del popolo per soli 30 euro

oppure

Prova gratis per un mese il nostro abbonamento digitale


Abbonati subito

Così potrai:



  • leggere il settimanale su pc, smartphone e tablet fin dal mercoledì

  • avere libero accesso in ogni momento a tutti i contenuti del sito
  • aderire agli eventi della nostra associazione "La Difesa s'incontra"


La Difesa del popolo, ogni giorno insieme a te.