Lettera 35 - Cronache da un'economia umana

Turismo in calo, economia al palo e industrie a corto di approvvigionamenti ma anche gli operai di Wuhan costretti a lavorare 12 ore al giorno per costruire a tempo di record un lazzaretto dove ospitare i contagiati dal coronavirus.

Il conto della crisi legata all'epidemia non si ferma ai dati sul contagio ma riguarda ormai ogni ambito della nostra vita: dal ristorante sotto casa fino alla componentistica della nostra automobile. 

Incuneato fra il parco regionale di Gallipoli Cognato e il parco nazionale del Pollino, il giacimento di idrocarburi di Tempa Rossa è stato al centro del dibattito locale e nazionale.

Fra qualche scandalo — vero o presunto — e una serie di criticità ambientali non trascurabili, il giacimento lucano è finalmente attivo: i tre pozzi estraggono idrocarburi e gas metano, aziende e Regione firmano siedono allo stesso tavolo e ai cittadini lucani verrà garantito metano gratis.

Con il mese di gennaio si è conclusa anche la permanenza del Regno Unito all'interno delle istituzioni europee. La notte del contrappasso si è contraddistinta per le feste di piazza dei brexiter, fra canti di gioia e qualche suoni di cornamusa ma il giorno che si è aperto disvela gli stessi dubbi e incertezze dei mesi precedenti: che succederà davvero nei prossimi mesi?

Al via la campagna zucchero con il sostegno della Regione del Veneto: previsti 200 euro di sovvenzione per ettaro coltivato a barbabietola e fino ad un massimale di 20 mila euro ad azienda nell'arco di un triennio.

Nel mentre, Coprob lancia lo zucchero biologico : un progetto che, negli anni, ha coinvolto oltre 140 aziende.

Il fenomeno ha un nome tutto inglese, student housing, ma potrebbe rappresentare una delle soluzioni più interessanti per il mercato immobiliare perché garantirebbe buone rendite per gli investitori a fronte di un rischio relativamente contenuto.

Favorite, ovviamente, le grandi città universitarie come Milano, Bologna e Padova dove per una stanza singola in appartamento si pagano in media fino a 573 euro al mese mentre lo studentato si assesta sugli 860 euro al mese.

Le cooperative di comunità sono un fenomeno ancora nuovo in molta parte d'Italia ma estremamente dinamico: cambiano forma, fisionomia diventando spesso l'unica azienda presente nei centri più piccoli della penisola.

Borghi isolati, incastonati nelle Dolomiti come Costa di San Nicolò di Comelico dove Alberi di Mango — una delle prime cooperative di questo tipo del Veneto — ha messo in piedi un bar ristorante che, in pochi mesi, è divenuto il cuore del paese.

Paolo Scaramuccia, responsabile del progetto cooperative di comunità di Legacoop, non usa mezzi termini: «Se vogliamo far sì che i territori non si spopolino, che i giovani rimangano nei paesi, dobbiamo trovare il modo di favorire queste realtà nell'ambito dell'ordinamento vigente».

Fedrcontribuenti accende un faro sulle srl corsare: nate per morire nel giro di due anni, lasciandosi alle spalle diverse migliaia di euro di imposte non pagate.

Si tratterebbe soprattutto delle srl costituite con un euro di capitale sociale, spesso celate dietro la firma di prestanome compiacenti della criminalità organizzata.

Con la legge di bilancio 2020 è entrato in vigore l'obbligo di pagare alcune spese sanitarie in modo tracciabile per poter accedere alle detrazioni fiscali del 19%.

Via libera quindi a carte di credito, bancomat e bonifici e utilizzo del contante ridotto ma non azzerato: sarà ancora accettabile in farmacia, in ospedale e nelle strutture convenzionate.

L'uccisione del generale iraniano Qassem Soleimani compiuta dagli americani segna uno spartiacque nelle vicende del Medio Oriente: una ritorsione dopo il recente assalto all'ambasciata statunitense era prevedibile ma aver privato l'Iran del suo Machiavelli apre nuovi scenari.

Prime conseguenze sul prezzo del petrolio con le compagnie intente ad evacuare i pozzi d'estrazione nell'area. E nel frattempo in Libia le cose si complicano più velocemente di quanto non si credesse.

Dei 700 licenziamenti annunciati da Safilo, 50 colpiranno la sede padovana del colosso degli occhiali mentre gli altri graveranno sugli stabilimenti di Longarone e Martignacco, destinato alla chiusura.

Le sfide e le incognite per il prossimo futuro sono molteplici, come spiega Stefano Zanon, segretario generale della Femca Cisl del Veneto, alla vigilia dello sciopero di venerdì 13.

Che succede al mondo del lavoro in Italia? Niente, almeno quando si parla di salari, e questo è uno dei problemi principali.

La colpa è — anche — della produttività sostanzialmente ferma e di un mercato profondamente iniquo, falcidiato dalla piaga del precariato e del part-time involontario.

Notizia positiva: si riduce il gender gap fra uomi e donne, ma non abbastanza.

I lavoratori della Wanbao ACC di Mel, Belluno, si preparano a scioperare il prossimo 10 dicembre e al loro fianco si schierano compatti tutti i sindacati dei metalmeccanici e i lavoratori del Veneto.

A rischio ci sono i 285 lavoratori dello stabilimento ma anche i vicini dell'Electrolux che sui compressori della ex-ACC basano la produzione di frigoriferi.

Per una Wanbao che tenta la fuga dall'Italia, una Candy ritorna in Brianza. È uno dei tanti segnali che nel nostro paese si possono ancora produrre elettrodomestici, come ci insegna un'azienda di Acerra...

Fondato da Benito Mussolini e affidato alla gestione di Alberto Beneduce, socialista e professore universitario, l'Istituto per la Ricostruzione Industriale è stato per oltre sessant'anni una delle principali realtà economiche d'Italia.

Un carrozzone pubblico, secondo i più, capace di produrre qualsiasi cosa — dalle automobili ai panettoni — ma specializzato soprattutto nel tentare salvataggi di aziende decotte con alterni risultati.

Dopo gli anni delle privatizzazioni, oggi si è tornati a parlarne con una certa nostalgia...