Vediamoci chiaro: perché quella del governo italiano rischia di non essere una vera flat tax?

Puntuale come le tasse, si potrebbe dire, perché proprio di tassa piatta o flat tax si è tornati a parlare in occasione del Def, il Documento di Economia e Finanza redatto dal Governo.

Scomparse dal documento finale le due aliquote ipotizzate all'origine — una al 15% e l'altra al 20% — non resta che fare mente locale sulle argomentazioni portate a suffragio dell'una e dell'altra posizione ma con una certezza: la flat tax è un'altra cosa rispetto a quella su cui abbiamo dibattuto negli ultimi giorni.

Vediamoci chiaro: perché quella del governo italiano rischia di non essere una vera flat tax?
Cominciamo dal principio: la flat tax molto probabilmente non è solo farina del sacco di Milton Friedman e di quel gruppo di economisti che da qualche decennio vengono chiamati come una compagnia di cabaret, i Chicago Boys.Pare, infatti, che anche i Medici facessero pagare una tassa piatta ai fiorentini qualche secolo fa, quando ancora Chicago era da venire. Che la tassa piatta abbia dato origine allo sviluppo della Firenze medicea, però, è tutto da dimostrare.Una tassa piatta, non dueAnno 1981, Stati Uniti d'America, dalle...

Gentile lettore, grazie per aver scelto questo articolo



Ti interessa continuare la lettura?

Abbonati per un anno alla Difesa del popolo per soli 30 euro

oppure

Prova gratis per un mese il nostro abbonamento digitale


Abbonati subito

Così potrai:



  • leggere il settimanale su pc, smartphone e tablet fin dal mercoledì

  • avere libero accesso in ogni momento a tutti i contenuti del sito
  • aderire agli eventi della nostra associazione "La Difesa s'incontra"


La Difesa del popolo, ogni giorno insieme a te.