Da Belgrado un messaggio di pace

In occasione del centenario della fine della Grande guerra, nell'arcivescovado di Belgrado, rappresentanti della Chiesa cattolica, della Chiesa ortodossa, i protestanti (anglicani, calvinisti ed evangelici) e i musulmani hanno sottoscritto  un Messaggio di pace a nome delle religioni presenti in Serbia.

Da Belgrado un messaggio di pace
All'evento ha assistito oltre all'ospite, mons. Stanislav Hocevar, arcivescovo di Belgrado, anche il nunzio apostolico in Serbia, mons. Luciano Suriani.«Nel luogo dove nel 1914 è iniziata la Grande guerra - si legge nel messaggio - vogliamo dare e, allo stesso tempo, chiedere perdono».L'auspicio espresso dalle confessioni ai governanti d'Europa è di diventare "artefici della pace" perché mai più il Continente europeo, intriso della spiritualità giudeo-cristiana e della fede islamica, «diventi terreno di odio e di...

Gentile lettore, grazie per aver scelto questo articolo



Ti interessa continuare la lettura?

Abbonati per un anno alla Difesa del popolo per soli 30 euro

oppure

Prova gratis per un mese il nostro abbonamento digitale


Abbonati subito

Così potrai:



  • leggere il settimanale su pc, smartphone e tablet fin dal mercoledì

  • avere libero accesso in ogni momento a tutti i contenuti del sito
  • aderire agli eventi della nostra associazione "La Difesa s'incontra"


La Difesa del popolo, ogni giorno insieme a te.