In 400 per la Marcia per la pace. Il vescovo Claudio: "Arcella, luogo d'integrazione, amato da Dio"

Musica, sorrisi, riflessioni, le parole di papa Francesco, il ricordo degli ebrei vittime dell'Olocausto. E poi ancora le testimonianze di chi vive il quartiere Arcella e si attiva per essere esempio di pace. In 400, partendo dal piazzale della stazione, hanno marciato passando dal cavalcavia Borgomagno e per via Buonarroti. Poi appuntamento finale allo stadio Colbachini con la firma sugli striscioni e la messa, nella chiesa di San Carlo, presieduta dal vescovo Claudio Cipolla

In 400 per la Marcia per la pace. Il vescovo Claudio: "Arcella, luogo d'integrazione, amato da Dio"
Hanno sfilato lungo le strade del quartiere Arcella, gli unici, variopinti, colori erano quelli della bandiera della pace perché il cammino intrapreso da circa 400 persone, il pomeriggio di domenica 27 gennaio, era mosso dallo slogan “Fatti di pace”. Un gioco di parole per cogliere testimonianze, esempi di bene, di impegno concreto nel territorio e verso il prossimo, nonostante paure e pregiudizi.È stato questo lo spirito che ha alimentato la Marcia per la pace diocesana lungo il quartiere a nord di Padova che rappresenta...

Gentile lettore, grazie per aver scelto questo articolo



Ti interessa continuare la lettura?

Abbonati per un anno alla Difesa del popolo per soli 30 euro

oppure

Prova gratis per un mese il nostro abbonamento digitale


Abbonati subito

Così potrai:



  • leggere il settimanale su pc, smartphone e tablet fin dal mercoledì

  • avere libero accesso in ogni momento a tutti i contenuti del sito
  • aderire agli eventi della nostra associazione "La Difesa s'incontra"


La Difesa del popolo, ogni giorno insieme a te.