Al Musme Martina Caironi, Bebe Vio e Alex Zanardi si "espongono" nella nuova sezione Sport Tecnologia e Disabilità

Una nuova installazione al Museo Musme dedicata a Sport, Tecnologia e Disabilità. Tre campioni, Martina Caironi, Bebe Voi e Alex Zanardi, mettono a disposizione i supporti con cui hanno vinto gare di livello mondiale: la gamba di Martina, diventata la donna con protesi più veloce al mondo; il braccio di Bebe usato negli allenamenti e nelle gare dal gennaio 2010 ai Mondiali di Budapest dell'ottobre 2013 e la handbike di Alex con cui ha vinto l'oro alle Olimpiadi di Londra nel 2012. Accanto ai tre oggetti-simbolo anche dei video-testimonianza dei tre protagonisti che raccontano la loro passione ed esperienza.

Al Musme Martina Caironi, Bebe Vio e Alex Zanardi si "espongono" nella nuova sezione Sport Tecnologia e Disabilità
«Porto più protesi dal 2007 – racconta Martina Caironi, nata a Bergamo nel 1989, pluricampionessa olimpica – più protesi perché ne ho diverse: da cammino, da salto, da snowboard. Una per ogni occasione. Ho subìto l’amputazione della gamba sinistra sopra il ginocchio a seguito di un incidente stradale in motorino nel 2007. Il mio timore era di dover dipendere dagli altri per il resto della vita. Ma in me si è fatta avanti la voglia di tornare a vivere. In questi casi si parte prima dall’aspetto protesico. Poi per me...

Gentile lettore, grazie per aver scelto questo articolo



Ti interessa continuare la lettura?

Abbonati per un anno alla Difesa del popolo per soli 30 euro

oppure

Prova gratis per un mese il nostro abbonamento digitale


Abbonati subito

Così potrai:



  • leggere il settimanale su pc, smartphone e tablet fin dal mercoledì

  • avere libero accesso in ogni momento a tutti i contenuti del sito
  • aderire agli eventi della nostra associazione "La Difesa s'incontra"


La Difesa del popolo, ogni giorno insieme a te.