La giunta veneta approva il riparto 2018 del Fondo regionale per la non autosufficienza

Aumentano le risorse stanziate dalla Regione Veneto per cofinanziare le rette nelle case di riposo e nei centri  educativi e occupazionali per disabili.  La Giunta regionale del veneto ha approvato, su proposta dell’assessore al sociale Manuela Lanzarin, il riparto 2018 del Fondo regionale per la non autosufficienza. Il provvedimento, che quest’anno vale 764 milioni di euro, quasi 6 in più rispetto al 2017, passa ora all’esame della commissione Sanità del Consiglio regionale del Veneto, prima di diventare operativo.

La giunta veneta approva il riparto 2018 del Fondo regionale per la non autosufficienza
«Due le novità di rilievo – spiega l’assessore Lanzarin – Innanzitutto, l’incremento di 13 milioni di euro del capitolo dedicato all’assistenza residenziale per le persone non autosufficienti, che consente di aumentare il numero delle 24.600 quote sanitarie riconosciute agli anziani accolti nelle case di riposo nelle Ulss più deficitarie di impegnative di residenzialità (la 4 Veneto Orientale, la 3 Serenissima, in particolare per l’area della Riviera del Brenta e la 6 Euganea).In secondo luogo – aggiunge...

Gentile lettore, grazie per aver scelto questo articolo



Ti interessa continuare la lettura?

Abbonati per un anno alla Difesa del popolo per soli 30 euro

oppure

Prova gratis per un mese il nostro abbonamento digitale


Abbonati subito

Così potrai:



  • leggere il settimanale su pc, smartphone e tablet fin dal mercoledì

  • avere libero accesso in ogni momento a tutti i contenuti del sito
  • aderire agli eventi della nostra associazione "La Difesa s'incontra"


La Difesa del popolo, ogni giorno insieme a te.