24 maggio. Maria Ausiliatrice, la Madonna di Don Bosco. È festa nelle scuole salesiane

Ausiliatrice, oppure aiuto dei cristiani, in latino Auxilium christianorum, è uno dei titoli con i quali viene invocata Maria. Maria Ausiliatrice è la Madonna di Don Bosco. Un connubio indissolubile. Non c’è Don bosco senza Maria Ausiliatrice. Una figura che ha avuto un ruolo importante nella vita di Don Bosco, dalla nascita, quando la mamma lo consacra alla Beata Vergine fino ai sogni premonitori. Il 24 maggio è festa anche negli istituti salesiani padovani, al Liceo Maria Ausiliatrice in Riviera San Bendetto e all’Istituto Don Bosco, in via San Camillo De Lellis. 

24 maggio.  Maria Ausiliatrice, la Madonna di Don Bosco. È festa nelle scuole salesiane

Don Bosco la sceglie come patrona principale della famiglia salesiana da lui fondata insieme a Maria Domenica Mazzarello. Don Bosco, fu il più grande devoto e propagatore del culto di Maria Ausiliatrice. Sotto la sua protezione pose la sua opera di sacerdote e fondatore e a lei si rivolgeva per ogni necessità, con tono quasi colloquiale, dicendole, «E allora incominciamo a fare qualcosa?».  Nella vita di Don Bosco è una presenza continua, fin dalla nascita. Tant’è che si racconta che mamma Margherita quando Giovanni venne al mondo lo consacrò alla Beata Vergine e quando iniziò gli studi in seminario si raccomandò di non dimenticare la devozione a Maria e in particolare che questa devozione poi continuasse anche nel suo lavoro di sacerdote. 

Maria interviene nella vita di Don Bosco anche direttamente. Famoso è l’episodio del sogno, quando a 9 anni si presenta non solo come la sua maestra, la sua guida, ma anche come “datrice di lavoro” in favore dei giovani, che Lei chiamerà nel sogno “i miei figli”. Nel 1844 Maria gli fa vedere, sempre in sogno, una grande chiesa a Valdocco. Sogno profetico perché Don Bosco era ancora alla ricerca di una sede per i suoi ragazzi. Sarà poi nel 1862 che si inizierà ad edificare nel rione Valdocco di Torino una basilica dedicata all'Ausiliatrice, consacrata il 27 ottobre 1868. 

All'Ausiliatrice sono intitolate anche le congregazioni di Castelnaudary in Francia, fondata da Maria Teresa de Soubiran La Louvière, del Buon Soccorso, di Shillong in India, voluta da un vescovo missionario salesiano, e di Chone in Ecuador, istituita da Maria Bernarda Bütler.

La festa a Padova

La festa era stata istituita il 24 maggio da papa Pio VII nel 1815, in ringraziamento a Maria per la sua liberazione dalla ormai quinquennale prigionia napoleonica. 

Al Liceo Maria Ausiliatrice di Padova il 24 maggio si celebra Maria e il giorno del Grazie.

All’Istituto Don Bosco invece gli ex alunni e le famiglie sono invitate domenica 26. Ad accogliere i partecipanti una bella frase di Don Bosco: “confidate ogni cosa a Maria Ausiliatrice e vedrete cosa sono i miracoli!”. Il programma poi prevede alle ore 10 accoglienza e un piccolo intrattenimento per i bambini, alle 11 celebrazione della messa con benedizione speciale ai bambini, alle 12 ricevimento per tutti e con l’occasione si festeggiano gli anniversari di maturità degli ex allievi (10, 45 e 55 anni!). Una festa per condividere ricordi, nello spirito che era proprio di Don Bosco, “stiamo sempre allegri e passerà presto il tempo!”.

Copyright Difesa del popolo (Tutti i diritti riservati)
Parole chiave: Maria-Ausiliatrice (1), Don-Bosco (1), scuole-cattoliche (13), salesiani (3)