Pontecasale di Candiana. Volontari pronti per la festa del Carmine

La sagra che il 12 luglio inizierà a Pontecasale, frazione di Candiana, sarà la prima dopo quattro anni senza la guida di don Samuele Berton che ha salutato l’unità pastorale di Candiana, Arre, Arzercavalli, Fossaragna e Pontecasale con la messa nel Duomo di Candiana il 30 giugno scorso.

Pontecasale di Candiana. Volontari pronti per la festa del Carmine

La sagra che il 12 luglio inizierà a Pontecasale sarà la prima dopo quattro anni senza la guida di don Samuele Berton, che ha salutato l’unità pastorale di Candiana, Arre, Arzercavalli, Fossaragna e Pontecasale nel corso della messa nel Duomo di Candiana lo scorso 30 giugno.

Nell’omelia di saluto don Samuele ha voluto fare una domanda a chi lo stava ascoltando: «Chi eravate, come eravate quattro anni fa? Pensate al percorso delle nostre cinque parrocchie per diventare Unità pastorale. Abbiamo fatto fatica e abbiamo dovuto abbattere pregiudizi e consuetudini, ma ha prevalso la voglia di costruire insieme qualcosa di nuovo. Siamo quindi sempre noi, ma siamo anche differenti. Siamo cresciuti come persone e come parrocchie».

Certamente l’Unità pastorale ha rappresentato per questi territori una grande opportunità per condividere i cammini pastorali e rafforzare le proprie proposte. «Il percorso dell’Unità pastorale continuerà a essere laborioso, da costruire giorno per giorno. Non mancheranno fatiche, necessità di scendere a compromessi ma la volontà che vi dovrà guidare è quella di mettere il bene dell’altro davanti al vostro: la capacità di prenderci cura l’uno dell’altro è il termometro per misurare la nostra adesione al Vangelo».

Ed è con questa volontà di cura reciproca e di rinnovamento che la comunità di Pontecasale con il suo nutrito gruppo di volontari ora si prepara alla festa dedicata a Santa Maria del Carmine alla quale sarà dedicata la messa di martedì 16 luglio alle 20.30. Dal 12 al 14 luglio e poi ancora dal 17 al 22 luglio buon cibo, musica e divertimento riempiranno gli spazi esterni del centro parrocchiale. Tradizione e legame con il territorio si incontreranno con nuove proposte: al galletto latte e miele fritto o ai ferri, che da molti anni caratterizza lo stand gastronomico, si affiancheranno due serate, il 17 e 18 luglio, a tema modenese con tigelle e salumi. Tutto pronto anche per la pista da ballo, i gonfiabili e la pesca di beneficenza.

Copyright Difesa del popolo (Tutti i diritti riservati)