Pozzetto di Cittadella. C'e la sagra: maniche rimboccate da venerdì 23 a mercoledì 28 agosto

E' tutto pronto, nella parrocchia di Pozzetto, a Cittadella, per la sagra che si svolgerà da venerdì 23 a mercoledì 28 agosto. Dopo la cena comunitaria inaugurale, ogni sera ci sarà lo stand gastronomico, il ballo liscio, l'area giovani, le giostre e la pesca. Un impegno organizzativo importante, frutto della collaborazione dei diversi gruppi della parrocchia. 

Pozzetto di Cittadella. C'e la sagra: maniche rimboccate da venerdì 23 a mercoledì 28 agosto

Il successo della sagra del Pozzetto, che si terrà nella parrocchia di Cittadella da venerdì 23 a mercoledì 28 agosto, è la risultante di tutte le energie che i vari gruppi investono per dare il proprio contributo. In questo modo, anche un momento di svago come una festa può rappresentare un’occasione per riscoprire il valore dell’incontro e per ripensare al lavoro fatto durante l’anno pastorale da poco concluso. E come l'icona "Il seminatore uscì a seminare”, dal Vangelo di Matteo, ha accompagnato le varie attività, così può essere presa come spunto anche per la sagra. Perché, come spiega il parroco don Armando Cellere nel libretto che raccoglie il programma e le voci dei vari gruppi organizzatori, «l’essere comunità ci fa terreno buono».

In che modo? «Nelle nostre comunità il seme arriva ma nonostante il terreno buono a volte si fatica a coltivarlo attraverso manifestazioni dirette della fede. Dobbiamo favorire e preparare il terreno perché il seme possa dare frutto. Dobbiamo trovare forme nuove, per riprendere i valori umani a partire dalla fede. Un aspetto importante delle attività estive è che favoriscono l’incontro delle persone. C’è chi ha vissuto una vita nella parrocchia e per varie ragioni si è allontanato, ma ha l’occasione di riallacciare legami di amicizia. L’incontro è importante anche per il grest e i campi scuola, che si sono appena conclusi e che quest’anno hanno coinvolto moltissimo i ragazzi».

Ricaricati da queste belle esperienze, il team degli educatori dell’Acr coglie l’occasione della sagra per presentare le attività in programma per il nuovo anno associativo: quelle per i bambini della scuola primaria, il gruppo fraternità per le medie e i gruppi giovanissimi per le classi superiori. Anche la comunità capi del gruppo scout Cittadella 3, fortemente impegnata nell’organizzazione della festa, ricorda i campi da poco conclusi per lupetti e coccinelle sull’altopiano di Asiago, per guide ed esploratori a Valli del Pasubio e per rover e scolte a Vigo di Cadore. «Organizzare un evento come la sagra di Pozzetto – scrivono i capi scout – è un’impresa importante. Ci sono tante cose a cui pensare, da organizzare, preparare. E tutto questo è reso possibile ogni anno grazie alla buona volontà di chi sa mettersi in gioco, darsi da fare e sporcarsi le mani! Sicuramente dietro a questa grande operosità c’è una motivazione che aiuta “quasi per magia” a superare le fatiche e renderla possibile e realizzabile: certo sostenere economicamente la parrocchia, ma soprattutto contribuire allo spirito di comunità».

Il circolo Noi sottolinea le attività estive organizzate in patronato, come i tornei di pallavolo e di calcetto a 5, la gita annuale al lago d’Iseo e il cambio di direttivo con l’ingresso di nuove leve. Il gruppo missionario proporrà l’angolo delle missioni nella sala del centro parrocchiale, con un banchetto di prodotti del commercio equo-solidale e una mostra dal titolo “Tutti giù per terra!”, dedicata al tema dello sviluppo sostenibile, che presenta tre aspetti: la situazione attuale, l’esigenza di cambiare rotta e la prospettiva di un mondo diverso.

Un ringraziamento a tutti coloro che hanno contribuito all’organizzazione dell’evento è espresso dal comitato sagra, che nel suo saluto sottolinea il valore di questo impegno: «Dietro ogni progetto, ogni realizzazione, ogni risultato finale c’è una fatica. Nel caso della nostra sagra le prime fatiche si affrontano parecchi mesi prima dell’estate». Ma alla fine, «quando le fatiche dovrebbero prendere il sopravvento, le fatiche tutto a un tratto svaniscono e lasciano emergere la soddisfazione».

Dal rock al liscio, ce n'è per tutti i gusti

Sarà la buona cucina, la buona musica, la buona compagnia, ma la sagra del Pozzetto, superato il traguardo dei 40 anni, aumenta costantemente in qualità e quantità. Le dimensioni attuali sono bene espresse dal tendone di 75 metri di lunghezza che da oltre 15 anni ospita lo stand gastronomico e il ballo liscio. La musica cambia, tendendo decisamente al rock, nello spazio giovani, dove si potrà anche ballare magari mangiandosi un panino e bevendo una buona birra fresca.

Ma la festa deve unire, anziché dividere, e non è raro vedere un giovane cimentarsi con il liscio o un meno giovane ascoltare il rock dal vivo. Il programma è sempre nuovo, con qualche conferma e molte novità, ma la formula rimane quella ormai consolidata.

Si comincia venerdì 23 alle 20 con la tradizionale cena comunitaria, mentre alle 22, nell’area giovani, torneranno i Bad Roses, rock band veneta che si propone di far apprezzare anche alle nuove generazioni il rock anni Ottanta e Novanta, da Bon Jovi a Bryan Adams, dagli U2 a Billy Idol. Ancora rock classico il giorno successivo nello spazio giovani con gli Slapback, mentre domenica si passa alla musica italiana e un repertorio che spazia da Vasco a J-Ax, da Ligabue a Thegiornalisti con la Exit Band Italian Tribute. Lunedì si ballerà con Pigozzo deejay. Martedì 27 i Queenvision proporranno un omaggio ai Queen e per il gran finale si torna a ballare con il Dj Paco.

Programma musicale vario anche per il ballo liscio, che prende il via sabato 24 con Country Tour dj e prosegue con Luigianna Santamonica il giorno dopo, I Poppins lunedì, Stefano e i Nevada martedì 27 e Marco e i Niagara per la serata finale di mercoledì 28. Non mancheranno la pesca di beneficenza e il luna park. Abbandonato da tempo lo spettacolo pirotecnico, la serata finale si concluderà, come ormai tradizione, con la spaghettata delle 23.30, seguita dal gelato artigianale per tutti i presenti.

Copyright Difesa del popolo (Tutti i diritti riservati)
Parole chiave: Scuot (1), gruppo-missionario (1), Pozzetto (4), Cittadella (41), Acr (21)