Storie

Romano Doni, eroe per dovere e nella semplicità: nella sua Paluello, a Stra e a Padova con diversi appuntamenti, è stato ricordato il telegrafista del Regio Esercito italiano che intercettò, nel luglio del 1943, il messaggio che avvisava dell’imminente sbarco in Sicilia delle forze alleate: Doni non fu creduto dai superiori, ma si adoperò comunque per informare la popolazione di Racalmuto. 

Cosa si può fare impegnandosi attivamente, non lasciando spazio alle lamentele e alla pretesa che sia qualcun altro a risolvere i problemi? All'istituto alberghiero Pietro d'Abano, è la classe 4^DC a far da "lezione" con la nuova biblioteca realizzata da un loro progetto. Gestione dei costi, dei tempi e degli arredi per rendere funzionale uno spazio precedentemente angusto e in otto mesi, grazie all'entusiasmo coinvolgente di studenti, docenti e operatori scolastici, si può ammirare il frutto dei loro sforzi

A cinquant’anni dalla morte di don Angelo Berto, avvenuta il 25 febbraio 1969, a Cervarese Santa Croce resta ancora vivo il ricordo del parroco che dedicò 37 anni della sua vita alla comunità fino in fondo. Lo storico Gianni Degan, già collaboratore della Difesa, ha dato alle stampe il volumetto Il parroco in bicicletta, che presenta il profilo umano del sacerdote e ne ripercorre l’intensa missione pastorale. 

Martedì 10 giugno 1919 apriva a Padova la prima Fiera di Campioni d’Italia. I numeri: 21 giorni, 170 mila visitatori, tre sedi, 642 espositori. La Fiera Campionaria numero 100 si svolge dal 31 maggio al 9 giugno. Tornata di proprietà di Comune, Provincia e Camera di commercio sarà distribuita in dieci padiglioni con mille espositori presenti, cento ore di spettacoli e una rievocazione storica delle origini. 

Sabato 1 giugno si svolge ad Asiago la Rogazione, processione religiosa che si svolge il giorno precedente l'Ascensione. Il rito, di origine medievale e pagana, aveva la funzione di propiziare un buon raccolto e veniva praticato in varie località dell'arco alpino. Altrove questa consuetudine è venuta meno; ad Asiago è rimasta viva anche perché, nel 1638, divenne voto di ringraziamento dei sopravvissuti alla grande peste del 1631 che causò migliaia di morti pure sull'Altopiano.

Irene ha gli occhi scuri e un sorriso largo che racconta la sua grande gioia di vivere e di vincere. Diciotto anni appena compiuti, sta aspettando il sì della commissione per potersi iscrivere alla scuola guida, un sì necessario perché  Irene non è una ragazza qualsiasi: è una dei 16 atleti convocati per il nuoto dal coordinatore tecnico della nazionale paralimpica Riccardo Vernole, per gli European Para Youth Games 2019 che dal 25 al 30 giugno si svolgeranno a Pajulahti (Finlandia).

«Una volta eravamo tutti più austeri — racconta Mario Beltrame, che con la sua Bolgetta è da annoverarsi fra i custodi della cultura postale italiana — C'era più il senso del servizio: oltre al cliente sapevamo tutti che c'era il cittadino. Che, una volta affrancata e imbucata una lettera, ha solo dei diritti».

A Cadoneghe si è da poco concluso il secondo laboratorio teatrale per over 60 di Top teatri off. L’obiettivo? Recuperare i ricordi e le memorie della propria esistenza perché diventino ponte tra le generazioni. Per settimane si sono alternate testimonianze in presa diretta, ascolto di quelle altrui, registrazioni da proiettare sul maxi-schermo, abbozzi di copione, prove generali

In ogni storia c’è sempre un momento in cui un gesto, un avvenimento o una semplice coincidenza cambiano il corso delle cose. Segni apparentemente casuali che si comprendono solo con il tempo. Ed è la casualità ad avere un ruolo importante nella vita di Giliola Secco che, dopo l’incontro a Međugorje con una volontaria Unitalsi che la invitò a seguirla in un pellegrinaggio a Lourdes, ha intrapreso il cammino per volontari e oggi è presidente della sottosezione Unitalsi di Padova.

L'unione sportiva Gianesini si presenta ai festeggiamenti per il settantesimo compleanno – che viene festeggiato dal 18 maggio al 2 giugno nella parrocchia di San Giuseppe – più in salute che mai, con 170 iscritti di ogni età e una fama sempre più solida di ambiente educativo sano, fedele ai valori fondativi della solidarietà di gruppo, della tolleranza e del rispetto dell’avversario e delle regole.

Tutti noi conosciamo il nostro corpo: sappiamo come reagisce in determinate situazioni, la fatica che può sopportare e i suoi talloni d’Achille. Ma come reagiremmo se un giorno, all’improvviso, la nostra sofisticata macchina non rispondesse più ai comandi? Forse ci assalirebbe un grande vuoto, un’ansia profonda e un’incertezza perenne. Sensazioni che conoscono bene le oltre 118 mila persone che in Italia vivono con la sclerosi multipla: una malattia cronica che può portare a disabilità progressiva e che viene diagnosticata nella maggior parte dei casi tra i 20 e i 40 anni.