Cresce la devozione alla beata Eustochio

Cresce la devozione alla beata Eustochio, sepolta nella chiesa di San Pietro, la religiosa padovana vissuta nel Quattrocento che fu "vittoriosa contro il maligno".

Cresce la devozione alla beata Eustochio
La chiesa di San Pietro è conosciuta come “santuario della beata Eustochio” perché qui è sepolta la monaca nata e morta nel 15° secolo nel vicino monastero di San Prosdocimo, il cui corpo è venerato nella cappella laterale dal 1806, dopo la soppressione napoleonica del suo cenobio (oggi la chiesa di San Prosdocimo è duomo dei militari). Un trasporto che doveva essere furtivo e invece si trasformò nel corteo notturno di tanti devoti padovani.Ancora oggi la devozione alla beata Eustochio è viva, anzi appare in crescita,...

Gentile lettore, grazie per aver scelto questo articolo



Ti interessa continuare la lettura?

Abbonati per un anno alla Difesa del popolo per soli 30 euro

oppure

Prova gratis per un mese il nostro abbonamento digitale


Abbonati subito

Così potrai:



  • leggere il settimanale su pc, smartphone e tablet fin dal mercoledì

  • avere libero accesso in ogni momento a tutti i contenuti del sito
  • aderire agli eventi della nostra associazione "La Difesa s'incontra"


La Difesa del popolo, ogni giorno insieme a te.