Viktor Staudt. «Volevo morire, ho riscoperto la vita»

Viktor Staudt. 18 anni fa si è buttato sotto un treno. Salvo per miracolo, ma con le gambe amputate, ha iniziato la sua seconda vita: guardando in faccia la depressione e viaggiando per raccontare il suo difficile percorso, diventato anche un libro di successo.

Viktor Staudt. «Volevo morire, ho riscoperto la vita»

Gentile lettore, grazie per aver scelto questo articolo



Ti interessa continuare la lettura?

Abbonati per un anno alla Difesa del popolo per soli 30 euro

oppure

Prova gratis per un mese il nostro abbonamento digitale


Abbonati subito

Così potrai:



  • leggere il settimanale su pc, smartphone e tablet fin dal mercoledì

  • avere libero accesso in ogni momento a tutti i contenuti del sito
  • aderire agli eventi della nostra associazione "La Difesa s'incontra"


La Difesa del popolo, ogni giorno insieme a te.