Viktor Staudt. «Volevo morire, ho riscoperto la vita»

Viktor Staudt. 18 anni fa si è buttato sotto un treno. Salvo per miracolo, ma con le gambe amputate, ha iniziato la sua seconda vita: guardando in faccia la depressione e viaggiando per raccontare il suo difficile percorso, diventato anche un libro di successo.

Viktor Staudt. «Volevo morire, ho riscoperto la vita»

Attenzione!

La lettura di questo articolo è riservata agli abbonati. Per vedere questo contenuto devi essere Abbonato e digitare il tuo login e la tua password. Se vuoi abbonarti clicca su abbonati subito