La nuova fase del cantiere Europa. L'intervista a Gianni Borsa, corrispondente Sir da Bruxelles

Gianni Borsa, corrispondente Sir da Bruxelles: solo grazie all'Unione abbiamo diritti sociali equivalenti tra Sofia e Lisbona o Campobasso e Stoccolma. I rischi di Brexit Boris Johnson deve evitare l'esplosione dell'Irlanda e la secessione della Scozia mentre ridà smalto alla politica britannica che non ha saputo governare il cambiamento. Da maggio cittadini e giovani potranno indicare all'Ue e agli Stati la strada in termini di solidarietà e sussidiarietà

La nuova fase del cantiere Europa. L'intervista a Gianni Borsa, corrispondente Sir da Bruxelles
Quello compiuto dal Regno Unito, più che il segno della reversibilità del processo d’integrazione europea, va considerato come un percorso imprevedibile che segue i processi stessi della storia, i cambi di scenari e di contesto politico e sociale, e come tale si adegua alle novità. O almeno questa è l'analisi di Gianni Borsa, giornalista corrispondente da Bruxelles dell'agenzia di stampa Sir, che nell’imprevedibilità ritrova una costante intrinseca: del resto dalla Comunità economica europea nata con il trattato di Roma...