La giornata di giovedì 30 novembre

Alan Clements: Ha mai parlato con i soldati a guardia della sua casa? Sono stati amichevoli? Aung San Suu Kyi: Certo che ho parlato con loro. Sono sempre stati molto educati e alcuni persino gentili. Alan Clements: In uno dei nostri incontri precedenti, lei ha detto: «Non ho mai imparato a odiare i miei carcerieri, quindi non li temo». La consapevolezza di non odiarli da cosa è derivata? Aung San Suu Kyi: Credo che in parte sia dovuto anche questo alla mia educazione. Forse le ho già detto che mia madre non mi insegnò mai a odiare neppure gli assassini di mio padre.

La giornata di giovedì 30 novembre

Alan Clements: Ha mai parlato con i soldati a guardia della sua casa? Sono stati amichevoli? Aung San Suu Kyi: Certo che ho parlato con loro. Sono sempre stati molto educati e alcuni persino gentili. Alan Clements: In uno dei nostri incontri precedenti, lei ha detto: «Non ho mai imparato a odiare i miei carcerieri, quindi non li temo». La consapevolezza di non odiarli da cosa è derivata? Aung San Suu Kyi: Credo che in parte sia dovuto anche questo alla mia educazione. Forse le ho già detto che mia madre non mi insegnò mai a odiare neppure gli assassini di mio padre. Non l’ho mai sentita parlare con odio degli uomini che lo uccisero. E di sicuro non mi disse mai niente che potesse suscitare in me risentimento e tanto meno odio. Ovviamente, prima di entrare in politica in Birmania pensavo di essere capace di odiare come chiunque altro. Tuttavia, in seguito mi sono resa conto di non conoscere il vero significato dell’odio, ma che lo potevo vedere nei miei carcerieri. Alan Clements: Lei vedeva veramente l’odio negli occhi dei suoi carcerieri? Aung San Suu Kyi: Sì, odio profondo e malvagità. Alan Clements: Posso chiederle quali sensazioni nutriva verso di loro? Aung San Suu Kyi: Provavo simpatia per la maggior parte di loro, come esseri umani; non riuscivo a non vedere il loro lato umano, che era piacevole. Con questo non voglio dire che mi piacesse quello che facevano. Un sacco di cose che hanno fatto e che continuano a fare non mi piacciono nemmeno un po’. Non deve credere che fossi tanto angelica da non arrabbiarmi mai. Ma non ho mai perso di vista il fatto che erano pure loro esseri umani. E come tutti gli esseri umani, avevano anche un lato positivo.

scarica la pagina in pdf

Tutti i diritti riservati
Allegato 11atpag91e92e93.pdf (669,88 kB)
La giornata di giovedì 30 novembre
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.