"Non è mai troppo quello che facciamo per i poveri". Muove da questo pensiero la riflessione del vescovo Claudio in occasione della prima Giornata mondiale dei poveri indetta per domenica 19 novembre da papa Francesco, come "ulteriore segno concreto" al termine del Giubileo della misericordia. «Pur vivendo in uno straordinario contesto di carità e di misericordia, la mentalità del popolo di cui siamo parte sembra adottare uno stile di vita egoistico», scrive il vescovo. Che cosa pensare e fare allora?

Circa 2 mila persone hanno gremito il teatro della Luna a Milano per fare il punto del primo anno del programma "Prima le mamme e i bambini. 1000 di questi giorni" che vuole garantire a 320 mila madri africane il diritto al parto assistito e la corretta nutrizione in gravidanza e durante i primi due anni del bambino.

Nel messaggio per la giornata mondiale dei poveri, papa Francesco invita a reagire “alla cultura dello scarto e dello spreco, facendo propria la cultura dell'incontro”, aprirsi alla “condivisione con i poveri”: a Campodarsego, il gruppo Caritas da ormai quattro anni ha già dato una risposta a questo invito. 

Servizi dalla diocesi

In occasione della Giornata mondiale dei poveri, la comunità parrocchiale di Sant’Agostino inaugura in chiesa una nuova teca dove, durante tutto l’anno, si potranno lasciare offerte per i più bisognosi. È la degna chiusura della 29° settimana agostiniana che si chiude con l'esposizione permanente delle reliquie del santo di Ippona nella chiesa parrocchiale.

Manca un mese alla veglia dei giovani con il vescovo Claudio, in cui verrà consegnato il "mandato" ufficiale a quanti comporranno l'assemblea sinodale. In attesa di questo momento... diamo uno sguardo alle oltre 600 preghiere raccolte nella veglia dello scorso anno

A partire da domenica prossima, nella chiesa di Santa Maria Assunta al Bassanello, "Percorsi. Attraverso l'arte, la liturgia, la musica". Tre incontri sull'anno liturgico, tre concerti d'organo nelle domeniche di avvento e tre incontri di "catechesi con l'arte", per avviare una riflessione partendo dagli affreschi della chiesa.

La Messa è la preghiera per eccellenza. È silenzio, luogo dell’incontro con il Signore e del dialogo con lui. Lo ha spiegato il Papa, durante l’udienza di oggi, che ha visto tra i fedeli in piazza San Pietro anche oltre 800 tra bambini affetti da diabete di tipo 1, volontari e genitori. Per celebrare bene l’Eucaristia, bisogna imparare a pregare. Come i bambini, e non come i pappagalli.

Mercoledì 15, alle 18.30, nella chiesa di Santa Sofia, il vescovo Cipolla presiederà l’eucaristia per l’inizio dell’anno accademico rivolta agli studenti universitari, ai docenti e al personale tecnico-amministrativo dell’ateneo di Padova.

La chiesa di Padova ha risposto all'appello accorato di mons. Brugnaro, vescovo di Camerino-San Severino Marche, originario della nostra diocesi. così don Luca Ferro si appresta a partire per un ministero inatteso che lo porterà a sostenere la ricostruzione dell'anima prima che dei muri di una chiesa così duramente colpita, che conta ben 40 sacerdoti sfollati su 60 e oltre 300 chiese lesionate o crollate.

Lunedì 13, dalle 20, in seminario maggiore, riprenderà la scuola di preghiera per i giovani. L’itinerario di quest’anno, “Germogli nuovi in una comunità che cresce”, accompagnerà il cammino del sinodo diocesano dei giovani; ogni incontro, infatti, sarà scandito dalla vicenda dell’incontro di Gesù e Zaccheo (Lc 19,1-10).

Quasi la metà dei gruppi sinodali si è incontrato per la prima volta. «Quanto bene sta emergendo! E il primo bene sono le persone». Tre le parole chiave per dire cosa sta funzionando: casa, gruppo Whatsapp e libertà.

Sarà un seminario sul futuro della cooperazione internazionale a celebrare sabato 18 novembre i 50 anni della fondazione di Aes (Associazione amici dell’Espirito Santo - Centro collaborazione comunitaria), nata nel 1967 grazie ad alcuni amici desiderosi di sostenere l’opera del padovano padre Umberto Pietrogrande.

Perché si ritorni nella Piana di Ninive, nel Kurdistan iracheno, serve sicurezza. Il rischio che riprenda l’esodo è reale e questa volta sarebbe letale per la sopravvivenza del cristianesimo in Iraq

 "Una goccia di latte", progetto della fondazione pontificia Aiuto alla chiesa che soffre, assicura ogni mese latte in polvere 2.850 bambini sotto i dieci anni. Ne parliamo con il vicario apostolico latino di Aleppo, mons. Georges Abou Khazen.

L’ordine dei frati minori è in Terra Santa da 800 anni. Era infatti il 1217 quando, su decisione del Capitolo generale, si articolò in province, fra cui quella “di Oltremare”, successivamente denominata di “Terra Santa”.  La Provincia di Oltremare fu visitata da san Francesco fra il 1219 e 1220. Fu l’occasione quando il santo d’Assisi incontrò il sultano Malik al-Kamil nel delicato contesto delle Crociate, chiedendo il permesso per sé, i suoi confratelli e i pellegrini di visitare la Terra Santa.

A Cagliari, «sono cresciute le quote di responsabilità» sul lavoro, e segnali in controtendenza come le “buone pratiche” potrebbero già formare una sorta di “album di intrapresa”. Sergio Gatti, vicepresidente del comitato scientifico e organizzatore delle Settimane sociali, traccia per il Sir un bilancio della 48ª edizione, che si è appena conclusa, e delinea le prospettive future. 

Marco Almagisti, politologo e autore del libro Una democrazia possibile: «Siamo nell'epoca dei social, è vero, ma le prossime elezioni si decideranno in televisione». E saranno elezioni precedute da una campagna elettorale molto combattuta e con un forte tasso di conflittualità.

Sono ancora duemila i profughi ospiti degli hub di Cona e Conetta. Continua la protesta dei richiedenti asilo: «non vogliamo più tornare in “prigione” a Cona». L'altro ieri la tragica fine di un 35enne ivoriano che si recava alla marcia di protesta. E la chiesa apre le porte.

Guarda all'interno il servizio fotografico di Giorgio Boato

In agenda

Popoli insieme Formazione sui servizi ai migranti

da Martedì, 14 Novembre 2017 ore 20:30 a Martedì, 19 Gennaio 2038 ore 04:14

vedi tutti gli eventi

Il padre "padovano" dell'astronomia

Grande guerra: l'e-book

Dall'Alba al tramonto