L'editoriale di Marzo

Il vangelo che ogni anno dà inizio alla Quaresima il Mercoledì delle Ceneri ci provoca con un ritornello speciale: «che vede nel segreto». Questo segreto nel testo greco è en tò crypto, quasi a dire “nella cripta”. Le grandi basiliche, infatti, possiedono tre “livelli”: il sagrato, la navata e la cripta che, appunto, di solito è nascosta, è sotterranea.

L'editoriale di Marzo

Il vangelo che ogni anno dà inizio alla Quaresima il Mercoledì delle Ceneri ci provoca con un ritornello speciale: «che vede nel segreto». Questo segreto nel testo greco è en tò crypto, quasi a dire “nella cripta”. Le grandi basiliche, infatti, possiedono tre “livelli”: il sagrato, la navata e la cripta che, appunto, di solito è nascosta, è sotterranea. Il tempo di Quaresima è il tempo della cripta cioè l’invito a scendere in ciò che sta a fondamento della nostra esistenza, in quelle stanze della nostra giornata, dei nostri affetti, delle relazioni più costitutive, della preghiera. Di solito nella cripta di una chiesa è custodito il corpo di un santo, oppure il nucleo più antico o altre testimonianze “originarie”.
Scendere nella cripta della nostra vita significa, dunque, andare di nuovo a bere alle sorgenti della nostra fede, a ritrovare le radici e ciò che sostiene tutta la cattedrale della nostra esistenza. La sobrietà e l’intensità del tempo di Quaresima è un andare insieme come cristiani nella cripta per riscoprire l’unico sguardo incondizionato e benedicente che merita ogni nostra ricerca, quello del «Padre che vede nel segreto». Che possiamo incontrare nella cripta del silenzio, della meditazione, del cuore.

scarica la pagina in pdf

Copyright Difesa del popolo (Tutti i diritti riservati)
Allegato 03atpag01.pdf (35,21 kB)