Pieve di Curtarolo. Titolari e dipendenti a cena insieme alla sagra del Carmine

La cena delle aziende è una vera particolarità della sagra del Carmine che ogni anno la parrocchia di Santa Giuliana di Pieve di Curtarolo organizza a metà luglio. 

Pieve di Curtarolo. Titolari e dipendenti a cena insieme alla sagra del Carmine

La devozione della Madonna del Carmelo è molto sentita a Pieve di Curtarolo, che dedica alla Madonna del Carmine la sagra parrocchiale che inizia proprio il 16 luglio, giorno in cui la Chiesa fa memoria della Beata Vergine Maria del monte Carmelo.

Tra i diversi appuntamenti di carattere ludico ed enogastronomico, trova posto ormai da 15 anni anche l'iniziativa "Ditte a cena", con gli imprenditori del territorio, in programma mercoledì 17 luglio. «È un evento che si svolge ogni anno nei primi giorni della sagra – spiega Renata Michielon dell’Osservatorio di Curtarolo, il “braccio sociale” delle comunità cristiane di Pieve e Santa Maria di Non, che si occupa di tematiche quali lavoro, scuola, ambiente – L’iniziativa è aperta a tutte le attività produttive del territorio e consente loro di parteciparvi al completo con il personale e tutti i dipendenti, insieme. Mediamente sono una trentina le aziende presenti, con circa 150 persone che aderiscono alla proposta».

L'appuntamento inizia in chiesa alle 20 con la celebrazione della messa, con intenzioni particolari per coloro che operano nel mondo del lavoro. Subito dopo il nutrito gruppo si ritrova sotto lo stand della sagra, in un clima di festa e allegria, senza distinzioni di sorta. Infatti, a tavola si parla, qualche volta si accende una discussione animata (di solito per il calcio o la politica) ma alla fine, davanti a un buon bicchiere e a una gustosa pietanza preparata dai validi cuochi della parrocchia, si torna tutti amici.

In questo clima positivo s’inserisce anche l'altro evento promosso dall'Osservatorio sul territorio di Curtarolo, nato nel 2004 per iniziativa dell’allora parroco di Pieve don Daniele Hudorovic: a ottobre, infatti, si concretizza un momento che vede insieme il mondo imprenditoriale di questa porzione della Diocesi con quello della scuola, con un partecipato confronto tra studenti e insegnanti degli istituti superiori di Piazzola e Cittadella e i rappresentanti delle attività produttive. «La mostra delle aziende – conclude Renata Michielon – è una bella opportunità di incontro e di confronto che nasce proprio dall'impegno di un gruppo di cristiani che sentono viva l'esigenza che la Chiesa sia parte di questa dimensione fondamentale della vita dell'uomo».

Copyright Difesa del popolo (Tutti i diritti riservati)