Febbraio 2020

Non solo il Green deal. La strategia della presidente della Commissione Ursula von del Leyen è ambiziosa: trent'anni per cambiare stile di vita e produzione in favore dell'ambiente. Ma c'è attesa per la Conferenza sul futuro che da giugno coinvolgerà i cittadini. 

Gianni Borsa, corrispondente Sir da Bruxelles: solo grazie all'Unione abbiamo diritti sociali equivalenti tra Sofia e Lisbona o Campobasso e Stoccolma. I rischi di Brexit Boris Johnson deve evitare l'esplosione dell'Irlanda e la secessione della Scozia mentre ridà smalto alla politica britannica che non ha saputo governare il cambiamento. Da maggio cittadini e giovani potranno indicare all'Ue e agli Stati la strada in termini di solidarietà e sussidiarietà

È tra le parole più digitate sui motori di ricerca britannici in relazione alle conseguenze della Brexit. Un’escalation ben visibile se si osservano i grafici degli ultimi cinque anni di Google trends: dal pressoché nulla del 2015 a un progressivo interessamento, poi deflagrato all’alba del 2019.

Sin dalla prima conferenza stampa d’insediamento del dopo Jean-Claude Juncker, Ursula von der Leyen ha dichiarato che sarà alla guida di una “commissione geopolitica”, marcando specificatamente l’intento di aumentare il peso delle istituzioni europee nelle relazioni internazionali, uno dei più noti punti deboli del progetto di integrazione europea, andando oltre il ruolo di “pacificatore” negli equilibri mondiali.