Cop21, a Parigi il miglior accordo possibile

I chiaroscuri dell’intesa trovata una settimana fa a Le Bourget, appena fuori una Parigi blindata, appaiono evidenti. Ma Davide Pettenella, dicente di economia forestale a Padova, è convinto: più di così non si poteva pretendere. Ora si tratta di agire sui singoli paesi perché mantengano gli impegni assunti. Il nodo cruciale rimangono i finanziamenti necessari per sostenere i paesi in via di sviluppo sulla via delle emissioni zero.

Cop21, a Parigi il miglior accordo possibile
Da una Parigi blindata per paura di nuovi attentati, alla fine della scorsa settimana è arrivato un segnale di speranza per le sorti del pianeta.A conclusione della Cop21, 195 stati (Ue compresa, si smarcato il solo Nicaragua) hanno sottoscritto l’accordo che li impegna a iniziative virtuose in campo energetico e ambientale per contenere l’aumento del riscaldamento globale al di sotto dei 2 gradi centigradi da qui al 2020, con l’obiettivo di rimanere sotto gli 1,5 gradi.«Un accordo ambizioso, equilibrato, sostenibile e...

Gentile lettore, grazie per aver scelto questo articolo



Ti interessa continuare la lettura?

Abbonati per un anno alla Difesa del popolo per soli 30 euro

oppure

Prova gratis per un mese il nostro abbonamento digitale


Abbonati subito

Così potrai:



  • leggere il settimanale su pc, smartphone e tablet fin dal mercoledì

  • avere libero accesso in ogni momento a tutti i contenuti del sito
  • aderire agli eventi della nostra associazione "La Difesa s'incontra"


La Difesa del popolo, ogni giorno insieme a te.