Terra dei Fuochi, accolti i ricorsi dalla corte di Strasburgo

Tra il 2014 e il 2015, i cittadini tra Napoli e Caserta hanno inviato alla Corte europea dei diritti dell’uomo migliaia di ricorsi contro lo Stato italiano sulle discariche abusive. Strasburgo li ha accolti e ora per lo Stato italiano c'è tempo fino al 30 giugno per costituirsi in giudizio o chiedere un breve rinvio. 

Terra dei Fuochi, accolti i ricorsi dalla corte di Strasburgo
La Corte europea dei diritti dell’uomo di Strasburgo ha accolto, in via preliminare, i ricorsi di cittadini e associazioni delle province di Napoli e Caserta, dell’area nota come Terra dei fuochi, contro lo Stato italiano per aver violato il diritto alla vita, sancito dall’articolo 2 della Convenzione europea dei diritti umani. Secondo i ricorrenti lo Stato non avrebbe preso misure per ridurre il pericolo, nonostante fosse consapevole del rischio reale e immediato per la salute dei cittadini. Dopo aver esaminato i ricorsi...

Gentile lettore, grazie per aver scelto questo articolo



Ti interessa continuare la lettura?

Abbonati per un anno alla Difesa del popolo per soli 30 euro

oppure

Prova gratis per un mese il nostro abbonamento digitale


Abbonati subito

Così potrai:



  • leggere il settimanale su pc, smartphone e tablet fin dal mercoledì

  • avere libero accesso in ogni momento a tutti i contenuti del sito
  • aderire agli eventi della nostra associazione "La Difesa s'incontra"


La Difesa del popolo, ogni giorno insieme a te.