Crescere disuguali: tra sfide e speranze di futuro. I risultati di cinque anni di studio di Fondazione Zancan

Sono stati presentati i risultati di cinque anni di studio longitudinale Crescere che coinvolge oltre 1.000 ragazzi e famiglie nelle province di Padova e Rovigo. Lo studio realizzato dalla Fondazione “Emanuela Zancan” grazie al sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo, segue nel tempo i ragazzi dai 12 ai 18 anni, monitorando la loro crescita, la salute e il benessere, nella delicata fase di transizione dall’infanzia all’adolescenza, verso l’età adulta.

Crescere disuguali: tra sfide e speranze di futuro. I risultati di cinque anni di studio di Fondazione Zancan

Tanti i temi dello studio: il benessere a scuola, le relazioni in famiglia, il bullismo, le attività del tempo libero, internet e i rischi online, l’autostima, la salute e il benessere, la spiritualità, il lavoro, le prospettive di futuro e molto altro ancora.

I dati mettono a fuoco le disuguaglianze e le difficoltà che i ragazzi affrontano nella crescita. La sfida è quella di affrontare le difficoltà riconoscendo le capacità e le potenzialità che ogni ragazzo ha dentro di sé. Dopo la presentazione dei risultati, è stato dato spazio alla voce dei ragazzi, dei genitori e degli insegnanti. Si è parlato anche di povertà educativa e di come, a partire dai dati, si possono sviluppare soluzioni concrete nei nostri territori.

Lo sport e salute sono al centro dell’attenzione dello studio, grazie alla collaborazione con l’Azienda Ulss 6 Euganea, che dal 2013 ha realizzato oltre 1.300 visite mediche gratuite per i ragazzi coinvolti nello studio, monitorando la crescita in buona salute. In 5 anni di osservazione emerge un calo nella pratica sportiva: dai 12 ai 16 anni diminuiscono gli sportivi (dall’87% al 72%) e soprattutto lo sport a livello agonistico (da 59% a 39%). Smettono di fare sport soprattutto quando passano dal primo al secondo grado della scuola secondaria. A 16 anni emerge il boom di chi va in palestra.

Il benessere a scuola è un altro tema centrale. Il giudizio che emerge è positivo: la scuola piace a 8 ragazzi su 10 (a 6 su 10 piace “abbastanza” e a 2 su 10 piace “molto”). La scuola è tuttavia fonte di stress: 3 su 4 si dichiarano abbastanza/molto stressati per il lavoro che fanno a scuola, con un incremento significativo nel tempo (erano il 27% a 12 anni, sono il 75% a 16 anni).  

Il rapporto con i compagni è positivo (8 su 10 si sentono accettati per quello che sono) e rimane stabile passando dai 12 ai 16 anni. Invece diminuisce con l’età la fiducia verso gli insegnanti: la percentuale di studenti che si sentono “trattati nel modo giusto” in cinque anni passa dal 67% al 44%.

Con l’età si fanno più difficili anche le relazioni in famiglia, soprattutto il dialogo con padre e madre. La famiglia resta comunque il riferimento per i ragazzi. Tengono le relazioni con gli amici e compagni di scuola: sono al primo posto nella classifica per essere felici. Importante per loro è sentirsi accettati per quello che sono, poter seguire le proprie aspirazioni.

 

 

 

Tra le attività del tempo libero diminuisce l’uso della televisione e dei videogiochi, aumenta l’uso di internet, sono connessi sempre e ovunque. Aumenta il tempo che passano da soli. È stato chiesto ai ragazzi cosa pensano di internet, se sono consapevoli delle potenzialità e dei rischi. Se da un lato, è diffuso tra i ragazzi accettare amicizie da sconosciuti, dare il proprio numero di telefono, incontrare persone con accordi presi online, sono consapevoli dei rischi online: cyberbullismo, dipendenza, isolamento, fake news, truffe, pericolo per la privacy, stalking.

Il futuro: quasi la metà dei ragazzi lo vede «pieno di possibilità e di opportunità», il 30% lo considera «pieno di rischi e di incognite». Uno su quattro non sa esprimersi, perché nel futuro scorge entrambi gli aspetti, senza che una visione prevalga sull’altra. Fare un’esperienza all’estero è un pensiero ricorrente: oltre un terzo dei ragazzi è disponibile a trasferirsi all’estero per lavorare o fare un periodo di formazione.

Il lavoro per i ragazzi è un mezzo per poter vivere in autonomia, senza dipendere dagli altri, ed è anche visto come modalità per realizzare se stessi e le proprie aspirazioni. Sanno che per trovare lavoro è necessario essere competenti. Per questo considerano l’istruzione strumento principale per trovare lavoro e avere un futuro.

È la fotografia dei giovani oggi, cioè crescere tra sfide e speranze. Ma i ragazzi non sono tutti uguali, non hanno le stesse possibilità, non sempre hanno una famiglia su cui poter contare, non tutti hanno fiducia in se stessi, non hanno accesso a pari opportunità educative. Molte le differenze tra maschi e femmine, tra ricchi e poveri, tra chi frequenta il liceo e l’istituto professionale. La sfida dello studio CRESCERE è proprio quella di far emergere le difficoltà e le disuguaglianze, per potersi concentrare sulle potenzialità e quello che aiuta i ragazzi a crescere bene.

E la solidarietà? Alla domanda “Se ne avessi la possibilità, ti piacerebbe mettere a disposizione le tue capacità e/o il tuo tempo per aiutare chi ha bisogno?” 8 ragazzi su 10 dicono di sì e cosa in concreto cosa possono fare. "È fondamentale ascoltarli e assecondare le loro esigenze positive, avere fiducia in loro. Hanno capacità generative da mettere a disposizione di tutti" commenta il direttore della Fondazione Zancan, Tiziano Vecchiato.

“Lo studio Crescere ha il grande merito di fare luce su un tema di primaria importanza: la crescita dei ragazzi durante l’adolescenza - commenta Gilberto Muraro, Presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e di Rovigo -. Da alcuni dei temi approfonditi oggi, come le differenze e le nuove povertà educative, emerge infatti con chiarezza l’urgenza di trovare – in un contesto sociale in continuo cambiamento come quello in cui viviamo – strumenti di ascolto efficaci per i problemi con cui sono chiamate a confrontarsi le nuove generazioni. La nostra Fondazione sostiene dal 2013 lo studio Crescere nella convinzione che la ricerca e la diffusione dei suoi risultati potranno offrire strumenti utili e concreti a tutte quelle persone che affiancano ogni giorno gli adolescenti, garantendone la crescita positiva.”.

Copyright Difesa del popolo (Tutti i diritti riservati)
Crescere disuguali: tra sfide e speranze di futuro. I risultati di cinque anni di studio di Fondazione Zancan
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.