Intelligenza artificiale? Sì, però… la Commissione Ue richiama la “dimensione etica” perché "al centro c'è l'uomo"

«Ai robot non si può dare un’anima e forse neppure un cervello, ma certo non possiamo lasciare che i robot rubino l’anima all’umanità o che sottraggano posti di lavoro senza trovare un’alternativa valida» così uno dei 52 esperti che per conto della Commissione europea ha elaborato  il documento “Orientamenti etici sull’Intelligenza artificiale” reso pubblico in occasione del “Digital Day 2019”. Sul piatto ricerca, innovazione e robotica applicate alla vita di ogni giorno, ma la responsabile al digitale, Maryia Gabriel, ha spiegato che “Al centro si trova l’uomo". Proposte sette linee guida, guardando al futuro.

Intelligenza artificiale? Sì, però… la Commissione Ue richiama la “dimensione etica” perché "al centro c'è l'uomo"
“Affidabile”, “antropocentrica”: sono due delle caratteristiche invocate per l’Intelligenza artificiale a garanzia di una sua imprescindibile “dimensione etica”. Il “Digital Day 2019”, celebrato il 9 aprile e preso sul serio a Bruxelles – tra convegni, documenti, progetti futuribili, discussioni tra esperti e scienziati – consegna una nuova prospettiva per l’Ia (conosciuta su scala globale come Artificial Intelligence, Ai). La quale, va ribadito, non rimanda solo a immaginifici robot parlanti o a...

Gentile lettore, grazie per aver scelto questo articolo



Ti interessa continuare la lettura?

Abbonati per un anno alla Difesa del popolo per soli 30 euro

oppure

Prova gratis per un mese il nostro abbonamento digitale


Abbonati subito

Così potrai:



  • leggere il settimanale su pc, smartphone e tablet fin dal mercoledì

  • avere libero accesso in ogni momento a tutti i contenuti del sito
  • aderire agli eventi della nostra associazione "La Difesa s'incontra"


La Difesa del popolo, ogni giorno insieme a te.