25 anni di unità pastorali in diocesi. Preti accesi... o bruciati?

25 anni fa nasceva a Vo', sui Colli euganei, la prima unità pastorale della diocesi. Un'esperienza pionieristica, quella promossa dall'arcivescovo Antonio Mattiazzo, che all'epoca suscitò critiche e contrasti. Don Alberto Peron, oggi parroco dell'unità pastorale di Arsiè, parte da quell'anniversario e ripercorre gli anni trascorsi in up a Vo', a Cona e ora ad Arsiè. Per domandarsi: quali sono le premesse indispensabili perché l'unità pastorale possa funzionare? Cosa è chiesto alle comunità parrocchiali e cosa è chiesto ai preti chiamati a farne parte?
Come si alimentano scelte di fraternità tra parrocchie? Ha senso un'unità pastorale seguita da un solo prete? E quanto conta, per l'unità pastorale, l'unità presbiterale? Il dibattito è aperto... sulla Difesa del popolo di domenica 7 ottobre.

25 anni di unità pastorali in diocesi. Preti accesi... o bruciati?

Gentile lettore, grazie per aver scelto questo articolo



Ti interessa continuare la lettura?

Abbonati per un anno alla Difesa del popolo per soli 30 euro

oppure

Prova gratis per un mese il nostro abbonamento digitale


Abbonati subito

Così potrai:



  • leggere il settimanale su pc, smartphone e tablet fin dal mercoledì

  • avere libero accesso in ogni momento a tutti i contenuti del sito
  • aderire agli eventi della nostra associazione "La Difesa s'incontra"


La Difesa del popolo, ogni giorno insieme a te.