Pensioni da fame per chi ha lavorato i campi per una vita

Cia-Agricoltori Italiani e Inac sono impegnati per garantire pensioni dignitose anche ai giovani coltivatori, con l’istituzione di una “pensione base”, di importo pari alla pensione minima prevista dalla Carta sociale europea ad almeno 650 euro, in aggiunta alla pensione liquidata interamente con il sistema contributivo.

Pensioni da fame per chi ha lavorato i campi per una vita
Dopo una vita nei campi, a produrre quel cibo che ha reso l'agroalimentare italiano un vanto del nostro Paese nel mondo, e altrettanti decenni spesi a tutelare il suo paesaggio, elemento attrattivo insostituibile per il turismo, gli agricoltori in pensione, a 70 anni, si ritrovano con un assegno mensile di 507 euro. Ovvero 143 euro al di sotto della soglia indicata dalla Carta sociale europea e in una situazione tanto insostenibile da essere denunciata dal patronato Inac di Cia - Agricoltori italiani nel loro quinto rapporto...

Gentile lettore, grazie per aver scelto questo articolo



Ti interessa continuare la lettura?

Abbonati per un anno alla Difesa del popolo per soli 30 euro

oppure

Prova gratis per un mese il nostro abbonamento digitale


Abbonati subito

Così potrai:



  • leggere il settimanale su pc, smartphone e tablet fin dal mercoledì

  • avere libero accesso in ogni momento a tutti i contenuti del sito
  • aderire agli eventi della nostra associazione "La Difesa s'incontra"


La Difesa del popolo, ogni giorno insieme a te.